NEL TERZO ANNO DI PANDEMIA LA SCUOLA CONTINUA A PAGARE 9 GENNAIO 2022 PRESIDIO ALLA PREFETTURA DI SALERNO ORE 10:30

Mentre dal Governo centrale il Ministro Bianchi assicura che la Scuola è una priorità per tutta la società e che sono state stabilite le regole per un rientro in sicurezza, dalle Scuole reali emergono tutte le difficoltà perché le condizioni per tenerle aperte e sicure non sono state realizzate e tutti i provvedimenti che stiamo chiedendo ormai da tre anni sono stati ignorati. Nonostante ciò le Scuole della nostra regione si sono arrangiate alla meglio e hanno garantito la didattica in presenza anche nelle crescenti difficoltà applicando le regole , poco chiare, dettate dai vari DDL.

Il governatore della Campania De Luca ovviamente ne approfitta e decide ,come negli ultimi due anni, di chiudere le scuole invocando ipocritamente il diritto alla salute solo per coprire le sue responsabilità in merito al disastro sanitario e di tutti i servizi pubblici essenziali della regione e mentre fa carte false per rimanere in zona bianca per far “girare l’economia”:
Si sa che tenere chiuse le scuole è nell’immediato dunque l’unica iniziativa a costo zero che però ci costerà moltissimo nei prossimi anni quando si dovranno recuperare tutti i danni provocati dalla reiterata DAD.
Dopo due anni chiediamo il conto a tutti, Governo e Regione, di quanto non è stato fatto e non si intende fare per questo , entrati nel terzo anno chiediamo e rivendichiamo ancora provvedimenti immediati e programmi seri per il futuro.
DALLA REGIONE CAMPANIA VOGLIAMO:
Una medicina territoriale di prossimità che garantisca le tre T (testare, tracciare, trattare), e in particolare il pieno funzionamento e potenziamento delle USCA

  • Screening periodici protezione adeguati e gratuiti per garantire il rientro a scuola in presenza, continuità, serenità e sicurezza
  • Tamponi gratuiti per tutti: alunni, docenti, ATA, famiglie;
  • Riorganizzazione del TRASPORTO PUBBLICO, con più risorse
  • Reperimento di spazi ulteriori per le scuole e adeguamento immediato di tutte le strutture esistenti
    DAL GOVERNO CENTRALE E DAL MIUR VOGLIAMO:
  • Indicazioni chiare a salvaguardia del diritto all’istruzione che non aggravino le differenze tra Nord e Sud. Centro e periferie, scuole e scuole
  • Assunzione massiccia di personale e risorse necessarie per ridurre il rapporto alunni-classe
  • Presidi di salute per la scuola
  • Indicazioni chiare e tempestive in merito alla valutazione e agli esami di stato.
    È il momento organizzare una mobilitazione dal basso che ridia voce ai nostri diritti.

COORDINAMENTO SCUOLE APERTE SALERNO
COBAS SCUOLA SALERNO
HORME’ liberi di crescere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *