Lo studio dell’ufficio relazioni sindacali del sindacato Anief

Ecco perché gli aumenti stanziati dal Governo (6,5 miliardi nelle ultime tre leggi di bilancio) non bastano. Al netto dei 3 mila euro di arretrati e dell’assegno mensile di 107 euro che 1.3 milioni di dipendenti della scuola potrebbero avere in autunno secondo quanto stanziato dal Governo nell’atto di indirizzo (+4.02%), mancano ancora 274 euro mensili per allineare gli stipendi all’aumento dei prezzi al consumo certificato dal MEF dal primo blocco contrattuale del 2008 (+20%, 14% 2008/18 + 6% 2019/21), al netto anche degli aumenti disposti nel contratto scaduto (73 euro, +3,48%, CCNL 2016/2018).

4,7 i miliardi che servono per allineare nel 2022 gli stipendi all’inflazione.
274 euro sono gli aumenti mensili necessari per recuperare l’inflazione:
221 (primo triennio 2016/2018) + 53 (secondo triennio 2019/2021).

Marcello Pacifico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *