Nella giornata di oggi, alle prime luci di un’alba livida si è consumata l’ennesima tragedia del mare: un barcone sovraccaricato di esseri umani, stipati invece come sacchi di rifiuti,con a bordo tanti bambini e donne, si è spezzato in due, sgretolandosi quasi, in balia di una mareggiata furiosain prossimità di Steccato di Cutro.
Tante vittime, già più di trenta, e il numero sembra destinato a impennarsi. I migranti percorrevano quella che viene definita “la rotta turca” e provenivano da paesi tragicamente caratterizzati da difficoltà di vita inenarrabili: Iran, Siria, Afghanistan…Hanno trovato la morte, mentre sognavano un futuro migliore.
Si rimane attoniti e impietriti davanti a un evento del genere; non bastano le parole per raccontare tante vite spezzate e sogni infranti. Resta solo il desiderio di rivolgere un appello alla solidarietà a tutte le comunità internazionali e alle nostre istituzioni perchè non si debba più assistere a eventi così orribili e indegni della nostra civiltà.


prof. Romano Pesavento
presidente CNDDU

Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.