aumenti ds

La legge di bilancio (L.197/2022) ha stanziato un miliardo di euro per riconoscere nel 2023 a tutto il personale statale, in mancanza del rinnovo dei contratti del Pubblico Impiego scaduti, un emolumento accessorio una tantum da corrispondere per 13 mensilità pari all’1,5% dello stipendio (periodo gennaio/dicembre 2023). Se paragoniamo l’incremento dell’1,5% all’inflazione 2023 ci rendiamo conto della compressione salariale dei dipendenti pubblici e dei docenti in particolare.

Tale emolumento, come da comunicato NOIPA, sarà attribuito con il cedolino del mese di luglio – insieme agli arretrati relativi al periodo da gennaio a giugno 2023, e poi mensilmente fino a dicembre 2023. (vedi tabella in allegato).

Si tratta di un compenso medio all’incirca di 35 euro netti mensili per 13 mensilità pari a circa 450 euro annuali che, vome indicato nelle tabelle varia dai 20,53 euro mensili per un collaboratore scolastico al primo gradone di anzianità fino ai 44,38 euro mensili per un docente delle scuole superiori all’ultimo gradone di anzianità.

 

Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.