«La presentazione del Rapporto sulle Prove Invalsi 2023 ci ha confermato quello che purtroppo già sapevamo: tra il Nord ed il Sud del Paese continua ad esistere un divario educativo e performante che lo stesso Ministro Valditara ha definito ‘insostenibile’. Non posso che concordare con il Ministro, ma credo che sia davvero il momento di voltare pagina. I risultati delle Prove Invalsi 2023 sono un campanello d’allarme di una situazione che purtroppo registriamo drammatica già dagli anni precedenti alla pandemia, e che dalla pandemia è stata acuita. La doppia velocità cui sembra viaggiare l’Italia, non aiuta quello spirito unitario cui aspiriamo ed è cartina tornasole di una realtà socio- culturale ben più preoccupante.
Incidono le precarie condizioni economiche ed occupazionali di molte famiglie e anche la mancanza di spazi aggregativi che non siano i bar e le piazze, dove spesso i giovani passano ore. La scuola qui al Sud deve ritornare ad essere totalizzante nella sua funzione di agenzia educativa. Non solo nel percorso curricolare, ma anche nelle proposte extracurricolari e pomeridiane. Va assolutamente condiviso e sostenuto il progetto del Governo Meloni e del Ministro Valditara di destinare fondi ulteriori a 240 Scuole per garantire un’istruzione più equa e completa in ogni Regione, con particolare attenzione a quelle meridionali, che indubbiamente soffrono evidenti disparità nelle opportunità educative, con conseguenze che sfociano spesso nella dispersione scolastica e nell’abbandono degli studi. L’obiettivo è quindi quello di migliorare l’insegnamento nelle discipline fondamentali, e al contempo di estendere il tempo pieno, promuovere la formazione specialistica e offrire retribuzioni aggiuntive. La possibilità di farlo in accordo con le singole Regioni per promuovere anche lo sviluppo territoriale, è l’ennesimo segnale di una attenzione costante verso le realtà più delicate per non lasciare indietro nessuno». Lo dichiara il deputato Gimmi Cangiano Componente della Commissione Istruzione alla Camera.

Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.