“Gli atti vandalici e il tentativo di incendio consumati presso l’Istituto Comprensivo Rita Levi Montalcini sono un’azione criminale ai danni della comunità scolastica e del quartiere Borgo Nuovo.

Troppo spesso, in alcune zone della città, le scuole sono contemporaneamente l’unico presidio dello Stato e un spazio sociale del territorio: questa condizione di solitudine chiama le istituzioni pubbliche e le organizzazioni sociali a supportare l’azione pedagogica che svolge la scuola.

Esprimo solidarietà, a nome della Rete per la promozione della cultura antimafia nella scuola, alla dirigente scolastica Marina Venturella, ai docenti e all’intera comunità scolastica che, quotidianamente, opera con grande impegno e spirito costruttivo in una zona complessa della città di Palermo.

Questa vicenda dimostra, ancora una volta, che serve un impegno educativo straordinario che, a partire dal mondo della scuola, possa costruire una cultura antimafia, un senso di comunità e il rispetto dei beni comuni.”

Lo dichiara Giusto Catania, Dirigente scolastico dell’I.C. Giuliana Saladino, scuola capofila della Rete per la promozione della cultura antimafia nella scuola. 

 

 

 

Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.