I lettori ci scrivono:

 

Gentilissima redazione,
siamo un gruppo di docenti che hanno partecipato al concorso per dirigenti scolastici 2017, inseriti con riserva in graduatoria dopo il superamento della prova scritta e orale, a seguito di provvedimento cautelare. Siamo, per intenderci, alcune tra i cosiddetti dirigenti scolastici “asteriscati”, quelli citati in diversi articoli pubblicati in queste ultime ore dalla stampa specializzata e non.


Peccato che, leggendo i titoli, si potrebbe immaginare che l’emendamento votato ieri alla Camera riguardi TUTTI i candidati inseriti con asterisco in questa graduatoria. Di fatto non è così. Perché leggendo gli articoli ci rendiamo conto che noi che non abbiamo fatto in tempo a svolgere l’anno di prova semplicemente per via della nostra posizione in graduatoria (perché non ancora in turno di nomina, o perché con posto accantonato lo scorso anno, ma mai entrate in servizio), non verremo sanate come gli altri dirigenti destituiti, che entreranno in ruolo da settembre 2024.
Per noi, a questo punto asteriscati di serie B, concedeteci la licenza, si prevede il superamento di una prova orale per accedere al corso concorso, il cosiddetto “riservato”, al costo economico di 1850 euro, per non considerare il prezzo in termini di impegno e sacrificio da dover peraltro conciliare con il nostro lavoro a scuola. Impegno e sacrificio che abbiamo già profuso superando le prove del concorso!


Cosa peggiore (sempre che si riesca ad entrare!), andare a finire in una graduatoria separata insieme a coloro che non avevano superato lo scritto o l’orale del concorso 2017. Prove che tutte noi, invece, abbiamo superato con oltre 70/100.
Insomma, abbiamo gli stessi requisiti e ci troviamo nella stessa graduatoria dei colleghi destituiti, ma subiamo un diverso trattamento! Consideriamo giusto e doveroso che i nostri colleghi che hanno lavorato per un anno e anche più in certi casi e che sono stati ingiustamente destituiti dalla sera alla mattina, vengano reintegrati nel loro ruolo. Ma altrettanto giusto e doveroso è che anche noi veniamo reintegrate in graduatoria e che ci venga data l’opportunità di svolgere questo anno di prova, senza dover partecipare ad un ulteriore corso!


Mettetevi, per un attimo, nei nostri scomodi panni: non sentireste anche voi di subire una pesante e palese ingiustizia? E questo in un Paese, che siamo onorate di servire al momento come docenti, ma speriamo presto come dirigenti scolastici, che fa dell’uguaglianza sociale e della parità uno dei suoi vessilli? Non dimentichiamoci che cosa recita la nostra Costituzione all’articolo 3: “Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali”.
Chiediamo un intervento urgente e decisivo da parte del ministro dell’Istruzione, Giuseppe Valditara e del Governo per fare giustizia su questa situazione paradossale!

Marina Angelini, Sara Cristadoro, Antonella Di Diana, Carmela Di Santo, Susanna Guarducci, Valentina Parisi

Un pensiero su “Concorso per dirigenti scolastici 2017: Chiediamo un intervento urgente e decisivo da parte del ministro dell’Istruzione, Giuseppe Valditara e del Governo per fare giustizia su questa situazione paradossale!”
  1. MI rivolgo a coloro che hanno messo mano a questo emendamento, com’è possibile che su 71 asteriscati, persone che hanno superato la preselettiva con un punteggio pari o superiore a 60, ammessi con cautelare hanno superato la prova scritta con punteggio pari e superiore a 70 e la prova orale con un punteggio di 70 e oltre, solo 8 sono stati lasciati fuori? E non mi dite che siamo stati graziati perchè ci avete ammesso a ripetere la prova orale e saremo inseriti nella graduatoria del 40 % con quelli del nuovo concorso….! è come se diceste: ad un ipoglicemico fatti una buona dose di insulina, così ti sentirai meglio e noi ripariamo il danno, voi lo fareste? Ci andreste a ripetere una prova già ampliamente superata! Dove sta la grazia?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *