oro salto in alto 2023

Per chi pensa che i voti a scuola siano il senso unico del percorso di crescita, non è laureato, Gianmarco “Gimbo” Tamberi: agente di polizia delle Fiamme Oro di Padova, perché vincitore del concorso per atleti dell’arma, risulta iscritto al corso di Economia e Management della LUISS, ma i suoi risultati sportivi nel salto in alto sono capaci di lasciare il segno nella società molto più e meglio di un titolo di Studio.
Soprattutto, Gimbo è una figura positivamente emblematica per i giovani e la società, proprio grazie al suo modo di essere e di affrontare la vita.

Ieri sera a Bucarest, con un 2.36 al primo salto, si è laureato Campione del Mondo di Salto in Alto, portando in cima al mondo il tricolore.
Sul podio di bronzo il suo amico Mutaz Barshim, con il quale condivise l’indimenticabile oro olimpico di Tokyo.
A 31 anni, con questa medaglia, l’atleta marchigiano ha vinto tutto ed è entrato nella LEGGENDA: Olimpiadi, Mondiali outdoor e mondiali indoor, Europei (outdoor e indoor), Coppa Europa, Diamond League.

Ai microfoni di SkySport ha affermato:
_“Ho vinto tutto? È pazzesco, unico, non riesco neanche a sentirmelo dire. Sono stato ripagato di tutti i sacrifici fatti. So che quando entro in pista in queste grandi manifestazioni posso fare la differenza, perché so quanto io ed il mio team investiamo in questo, a partire da mia moglie, dalle persone che mi seguono. Non è uno sport individuale, non è vero, perché richiede tanta dedizione e sacrifici, e bisogna farli tutti. Devo ringraziare tutte le persone che mi hanno aiutato ad arrivare qui. La sensazione non so descriverla perché è unica, riuscire a battere persone che sembrano supereroi…Io quando vinco e festeggio così è perché mi sento l’essere umano che batte i supereroi. Pazzesco”_.

Unico nello sport e nella vita, ha imparato ad assecondare il suo modo di essere per canalizzare emozioni e concentrazione, ed anche durante questa la gara si è reso protagonista di un simpatico siparietto: questa volta ha suonato la batteria prima dell’inizio dell’ultima prova e dopo la vittoria ha fatto un tuffo nella vasca dei 3000 siepi.

_“Ho suonato la batteria per stemperare la tensione. Avevo fatto un grande riscaldamento, lì potevo solo distruggere la mia gara mettendo troppa pressione su di me. Conosco i miei avversari, sapevo che per vincere la gara potevano servire anche 2,38 o 2,40. Fortunatamente sono rimasto concentrato a mio modo, esternando le mie sensazioni, mostrando la paura quando avevo paura e la felicità quando ero felice. Il mio segreto è essere me stesso in pedana. A 2,36, quando gli altri hanno sbagliato, sapevo che era un match point importante. In quel momento devi mettercela tutta, perché se perdi la chance, poi non ritorna“_.

Lo scorso anno Tamberi era finito sotto i riflettori per la rottura del sodalizio con il padre, l’allenatore con il quale aveva già raggiunto innumerevoli traguardi, ma nonostante il comprensibile timore del cambiamento, evidentemente è stato capace di gestire il tutto mettendolo a frutto:

_”È pazzesco, perché la paura quando cambi è tanta. Dopo 12 anni che ti segue la stessa persona, con cui avevo raggiunto tutti gli obiettivi precedenti che non stiamo neanche a sottolineare…Fondamentalmente mio padre mi ha insegnato a saltare, quello che sto facendo oggi è anche grazie al percorso con lui, indubbiamente. Le cose non funzionavano più, avevo bisogno di un cambiamento. Ma il cambiamento genera paura, perché si esce dalla comfort zone e io quest’anno mi sono caricato di tantissime responsabilità che prima erano in capo a mio padre. Non è stato facile separarmi da lui e digerire un cambiamento del genere sia a livello personale che atletico. In tanti avevano dei dubbi. Devo ringraziare tantissimo Michele (Polloni, il preparatore atletico, ndr) e Giulio (Ciotti, l’allenatore, ndr) per come si sono approcciati a questa nuova sfida: ho chiesto loro un contributo particolare, di allenarmi non come un atleta normale, ma di accompagnarmi in questo percorso, come se fossimo in tre allenatori di me stesso. Siamo un team unico, loro sono affiatatissimi, da loro traggo tanta energia che mi mancava tanto. Devo ammettere sinceramente che c’è anche da parte loro quel lato sentimentale che prima mi mancava con mio padre, perché quella relazione è sempre stata difficile. Per quanto io e papà non ci parliamo da tanto tempo, è indubbio che anche questa medaglia, ancora una volta, è merito di quello che lui mi ha insegnato”_.

Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.