Tar Lombardia annulla bocciatura

Tar Lombardia annulla una bocciatura, un altro caso di revoca di una decisione del Consiglio di classe. Il controllo del tribunale sulle procedure, soprattutto quelle finalizzate al recupero.

Tar Lombardia annulla una bocciatura. Un’altra conferma

Tar Lombardia annulla una bocciatura. E’ l’ultimo caso di un pronunciamento amministrativo che annulla una decisione di un consiglio di classe. La conferma che i tribunali amministrativi non entrano a gamba tesa nella didattica. Si limitano solo a verificare che la scuola della Repubblica abbia attuato le procedure finalizzate a rimuovere gli ostacoli che impediscono il pieno sviluppo della persona (Costituzione art. 3 comma 2). Nulla di più e di meno.

Fatta questa premessa, analizziamo la vicenda dove il Tar della Lombardia evidenzia che la decisione della bocciatura è stata presa senza aver posto le condizioni per il recupero della ragazza. Si legge su Il RiformistaAveva ben quattro insufficienze, motivo per il quale era stata bocciata. Ma, grazie ad un ricorso al Tar, una quindicenne di Lodi potrà passare all’anno scolastico successivo, continuando a frenquentare un liceo linguistico di Lodi, il Maffeo Vegio. Il Tribunale amministrativo ha dato ragione alla studentessa, in quanto a febbraio le era stato diagnosticato un deficit cognitivo per il quale la scuola si era attivata solo a maggio. Ecco quindi la motivazione alla base dell’ammissione al terzo anno di studi per la studentessa di 15 anni che, insieme ai familiari, ha deciso di rivolgersi al Tar della Lombardia. Per i giudici, così come oggi riporta il Corriere della Sera, la sua bocciatura deve essere annullata in quanto “la studentessa ha un deficit cognitivo, ma il piano personalizzato è stato adottato per lei dalla scuola soltanto a maggio, a fronte di una diagnosi certificata a febbraio”.

Quest’ultimo pronunciamento rivela la fragilità del principio di insindacabilità, che forse induceva all’errore o alla superficialità formale e sostanziale. Fortunatamente i casi di accoglimento dei ricorsi avversi la decisione dei Consigli di classe sono ridotti al lumicino (1/10). Purtroppo la reiterazione mediatica di questi pochi, induce molti a pensare che la scuola non funzioni neanche in questo ambito amministrativo.

Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.