riceviamo e volentieri pubblichiamo

La situazione dei collaboratori scolastici preoccupa e non poco in Italia, ma soprattutto in Campania dove le graduatorie sono ormai intasate e gli uffici provinciali non provvedono ancora ad oggi a sistemare la posizione delle prime fasce di convocazione. Si apprezza il tentativo del governo centrale di stanziare l’organico PNRR e AGENDA del sud per colmare dette difficoltà, ma chiediamo un intervento deciso e coordinato da parte del MIM per risolvere questa situazione che lascia a casa ancora una volta l’ organico ex covid, gente che ha le qualità e le referenze necessarie e utili alle istituzioni scolastiche che ormai in Campania sono al collasso. In qualità di referente nazionale del Comitato chiedo un incontro URGENTE con il direttore  Acerra per discutere della nostra situazione e per fare da tramite con il dottore Filippo Serra che è stato già informato della gravissima situazione della regione. I fatti di cronaca che purtroppo si sono susseguiti in questi giorni denotano che la scuola italiana è sofferente non per le iniziative da intraprendere perché sulla carta ci sono tanti bei progetti di inclusione e sviluppo delle competenze personali e sociali dei nostri figli, ma manca il personale per mettere in moto la macchina organizzativa delle istituzioni scolastiche. La scuola è un luogo dove devono essere perseguiti i principi di equità sia nell’azione formativa ma soprattutto in quella educativa, ma senza le ruote giuste la macchina non camminerà mai. Invito le istituzioni a guardare questo aspetto come imprescindibile e di non girarsi dall’altra parte o soffocare il problema. 

Con la speranza che gli attori interessati da questa pericolosa faccenda possano riflettere sulle misure urgenti da intraprendere nella regione Campania.

 Maria Luce Bianco – Comitato personale Ata ex-Covid a difesa dei Collaboratori Scolastici

2 pensiero su “Comitato ATA-ex Covid. Preoccupante situazione collaboratori scolastici in Campania”
  1. Io lavoro al settimo Circolo Didattico di Giugliano (Napoli)l organico è insufficiente,spesso manca il personale,e noi subiamo il carico di LAVORO DEL PERSONALE ASSENTE.DEVE CAMBIARE QUALCOSA Al SUD LO STATO DEVE METTERE A LAVORARE PIÙ PERSONE INVECE DI PAGARE PENSIONI STRATOSFERICHE A MINISTRI E POLITICI.SIAMO STANCHI DI SUBÌRE.BASTA

  2. Sono un DSGA f.f. con la seconda posizione economica, è da novembre 2022 che manca un ass.amm.vo e a tutt’oggi stiamo lavorando con una unità in meno e la Dirigente non fa nominare , purtroppo ho chiesto di lasciare l’incarico in 0questa situazione, premetto che la DSGA titolare è stata assente due anni e adesso appena rientrata dice di rimettersi in malattia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *