Rinsaldare i legami tra storia e memoria, tra origini e futuro sono i fondamentali per un’educazione
a una cittadinanza consapevole e responsabile che gli insegnanti della Repubblica sono chiamati a
garantire.
Ciò è essenziale in questa fase storica dove tutto sembra schiacciarsi in un tempo in cui esiste solo il
presente. Ma la democrazia, come ha più volte ricordato il presidente Mattarella, non tollera
smemoratezza perché senza conoscenza non c’è memoria.
Pertanto, le associazioni professionali CIDI, MCE, PROTEO FARE SAPERE, mentre ribadiscono il
proprio impegno nella pratica didattica ed educativa nelle scuole per il rilancio e la diffusione dei
valori della Resistenza, chiedono al Ministro dell’Istruzione Valditara di rinnovare al più presto
l’accordo all’ANPI a cui va la nostra solidarietà per la testimonianza che ha offerto alle scuole,
attraverso proposte che richiamano i valori dell’antifascismo su cui si fonda la nostra Repubblica e
sulla quale dobbiamo continuare a costruire il futuro.

Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.