La Uil Scuola Rua si confronta con i suoi quadri sindacali di tutta la regione Campania sui nodi del contratto.

Confronto, dibattito, partecipazione. Questa mattina l’Aula Magna dell’Istituto Superiore “Sannino – De Cillis” di Napoli ha ospitato un’assemblea di grande risonanza della Uil Scuola Rua Campania, a cui hanno preso parte tutte le RSU della regione. Tra i temi principali dell’incontro, il contratto istruzione e ricerca e la questione legata al dimensionamento.

Presente anche il Segretario generale dell’organizzazione Giuseppe D’Aprile. “Stiamo girando l’Italia per sentire i nostri quadri sindacali, i nostri iscritti e tutte le persone che fanno funzionare la scuola tutti i giorni. Insieme decideremo se apporre la firma sulla parte del contratto, anche se le incongruenze sono tante“, ha ricordato D’Aprile nel corso del suo intervento, sottolineando che “i contratti quando si sottoscrivono, devono essere migliorativi rispetto ai precedenti, altrimenti non si sottoscrivono”.

La Segretaria Generale UIL Scuola Rua Campania, Roberta Vannini, ha aperto l’assemblea con un discorso appassionato e incisivo, dichiarando: “La scuola merita rispetto.” Ha poi sottolineato la necessità di combattere il dimensionamento, che mette a rischio posti di lavoro e scuole. “Se si vuole dare la colpa alla denatalità, facciano pure,” ha affermato, “noi siamo del parere che bisogna sfruttare l’evento al meglio, creando le basi per una didattica a misura di alunno con servizi e strutture adeguate, rinunciando una volta e per tutte alle classi pollaio.

Il Segretario Nazionale UIL Scuola, Paolo Pizzo, ha sottolineato il suo dissenso riguardo al nuovo contratto, dichiarando che “nel testo del CCNL sono diverse le incongruenze su cui la Uil non si trova d’accordo, tra queste il nodo politico sulla mobilità, la precarizzazione del lavoro delle segreterie, e la parte dedicata alle relazioni sindacali, che non convince”.

Pasquale Raimondo, responsabile ATA Segreteria UIL Scuola Nazionale, ha criticato gli aumenti proposti per il personale ATA e ha sottolineato che alcune riforme a costo zero potrebbero danneggiare il personale scolastico.

Nel suo intervento conclusivo, la Segretaria Generale UIL Scuola Rua Campania ha enfatizzato i principi di “Rispetto e Coerenza.” Ha rimesso alla legittimità delle assemblee la scelta di indirizzare tutti i dirigenti sindacali verso la firma del nuovo contratto, evidenziando le molte contraddizioni emerse dall’ipotesi presentata. Ha sottolineato la volontà di non firmare un contratto peggiorativo, se necessario, affermando: “Siamo pronti anche a non firmare per il bene della comunità scolastica che difendiamo a fronte di un contratto peggiorativo. Siamo e saremo sempre quelli che se sostengono un’idea la mantengono, alle nostre RSU possiamo garantire soprattutto che non saranno sole in questo cammino.

L’assemblea ha visto anche la partecipazione di tutti i segretari provinciali della Campania, evidenziando l’unità sindacale e la determinazione nel difendere i diritti e la qualità dell’istruzione nella regione.

Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.