Un altro piccolo passo verso la privatizzazione dell’istruzione pubblica è quello che sembra voler fare il Ministro Valditara che oggi, in un’intervista, ha disegnato una scuola gestita dai privati, finanziata da privati e in grado di produrre e vendere energia. Un disegno, una “partnership tra privati ed istituzione scolastica”, che restituisce l’immagine di una scuola legata, perciò dipendente, agli interessi dei privati oltre che a quelli dei suoi utenti, degli
studenti.

Noi socialisti non ci stupiamo. E’ da una trentina d’anni che i diversi governi succedutisi stanno erodendo le prerogative, le capacità e soprattutto le risorse dell’istruzione pubblica. Non può quindi stupirci se a farlo è ora un governo di destra che, per sua impostazione ideologica, tende a favorire la gestione privata rispetto a quella pubblica. Ma il privato punta al profitto, il pubblico, lo Stato no. Tantomeno nella scuola pubblica dove la priorità, per noi
socialisti, è investire, non risparmiare.

Enzo Maraio, Segretario nazionale PSI

Luca Fantò, Referente nazionale PSI scuola

Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.