Dalla conferma dell’organico aggiuntivo alla carta docenti, dal doppio canale per assumere i precari alle deroghe alla mobilità. Il giovane sindacato rappresentativo Anief chiede al Governo rispetto per il personale scolastico e il finanziamento dell’indennità di vacanza contrattuale con 3,5 miliardi per tutelare le retribuzioni in attesa delle risorse per compensare aumento dell’inflazione.

E ancora: reintegro dei Docenti licenziati, organici in deroga al Dimensionamento nei territori sofferenti, adeguamento in organico di diritto dei posti in deroga su sostegno, soluzioni per i docenti del concorso straordinario e del concorso abilitante. Accesso diretto, inoltre, ai percorsi abilitanti o di specializzazione gratuito e retribuito, riscatto gratuito degli anni di formazione, riconoscimento del ruolo dei quadri intermedi tra gli altri punti posti al tavolo degli incontri tenutisi a Roma in queste settimane con gli esponenti della politica dalla delegazione Anief (formata dal presidente nazionale Anief, Marcello Pacifico, e le segretarie generali Anief Chiara Cozzetto e Stefania La Mantia). Queste richieste sono state poste proprio durante la giornata mondiale degli insegnanti.

Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.