Siamo arrivati al mese di novembre e ormai prossimi alla definizione delle prossime contrattazioni di istituto nelle quali si stabilirà la ripartizione del fondo di istituto.

A tal proposito Ancodis ha lanciato un questionario sui pagamenti dei lavoratori per le attività aggiuntive dell’anno scolastico 2022-2023.

Lascia basiti che il 58,5% risponde NO, il 35,8% risponde SI e il 5,7% risponde di non avere alcuna notizia.

Quindi ci troviamo di fronte alla negazione del diritto al compenso seppur NON proporzionale alla quantità e alla qualità del lavoro espletato.

Lo Stato sembra comportarsi come un cattivo datore di lavoro che paga poco e in ritardo i suoi lavoratori.

Ci auguriamo che Ministero e sindacati trovino una rapida soluzione se non si vogliono indurre i collaboratori dei dirigenti scolastici, le figure di sistema, il personale non docente ad astenersi dallo svolgere le attività aggiuntive a partire dalle prossime settimane.

Possiamo solo immaginare cosa potrebbe accadere alle singole scuole autonome!

Rosolino Cicero

Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.