A partire da oggi, 2 novembre 2023, entrano in vigore i contratti aggiuntivi per il personale ATA (Amministrativo, Tecnico e Ausiliario) nelle regioni del Sud coinvolte nel Piano Agenda Sud.

Questo progetto, finalizzato a colmare i divari territoriali tra gli studenti, prevede l’assunzione di 1.828 unità aggiuntive, per lo più collaboratori scolastici (1.473) e circa 400 assistenti amministrativi o tecnici.

I contratti a tempo determinato di personale ATA sono previsti dall’art. 10, comma 1 del DL 123/2023. Possono stipulare tali contratti solo le scuole delle regioni del Sud coinvolte nel Piano Agenda Sud (Abruzzo, Calabria, Campania, Puglia, Sicilia, Sardegna, Basilicata e Molise) e che hanno segnalato la necessità di un’unità di personale aggiuntivo durante il monitoraggio aperto fino al 3 ottobre.

Il personale ATA aggiuntivo viene assunto attingendo dalle graduatorie di istituto. Si tratta di supplenze brevi, al momento fino al 31 dicembre 2023, ma con la possibilità di proroga nel 2024.

Le assunzioni rappresentano una buona opportunità di lavoro per gli aspiranti inseriti nelle graduatorie del Mezzogiorno, che possono così incrementare il punteggio in vista delle nuove graduatorie di terza fascia nel 2024.

Il Piano Agenda Sud è un progetto che mira a ridurre i divari territoriali, innalzare le competenze di base e quelle trasversali, contrastare la dispersione scolastica e l’abbandono precoce a cominciare dalla scuola primaria.

Questo piano ha una durata di due anni scolastici (2023-2024 e 2024-2025) e si sta lavorando per aumentare il numero di scuole coinvolte.

 

Autore

Un pensiero su “Contratti aggiuntivi ATA partono da oggi, 2 novembre”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.