Abbiamo fatto alcune domande a Francesco Vissani*, ideatore del Premio Asimov, uno dei premi più  diffusi e popolari nelle Scuole italiane

  1. Cos’è il Premio ASIMOV? Da dove nasce l’idea?

Il premio ASIMOV è una occasione per fare cultura insieme: mondo della scuola e mondo della ricerca; grandi e piccoli; insegnanti, scienziati e  studenti. Mette insieme una cinquantina di istituzioni scientifiche e più di 300 scuole; i loro numerosi rappresentanti  insieme formano la COMMISSIONE SCIENTIFICA del premio. Queste 1000 persone segnalano, valutano e discutono i libri di divulgazione scientifica che sono stati pubblicati negli anni scorsi, e poi propongono una cinquina per il premio. La GIURIA è costituita da studenti di scuola superiore – erano più di diecimila nell’ultima edizione. Ognuno di loro legge, recensisce e vota almeno uno dei libri in lizza. Dai loro voti viene scelta chi è il vincitore.

Il premio ASIMOV nasce nove anni fa, dall’idea che leggere e parlare di libri fosse una esigenza condivisa da molti e dalla convinzione che sia importante testimoniare il valore della cultura scientifica.  In questi anni abbiamo avuto l’occasione di incontrare tanti bravissimi scrittori e abbiamo incontrato e visto vincere medici, fisici, astronomi, chimici,  matematici, ingegneri, ecc.  Il premio è supportato dall’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare (INNF), l’ente per cui lavoro da 25 anni. Per saperne di più ecco la sua pagina web

https://www.premio-asimov.it/

  1. Il Premio ASIMOV e la Scuola. Un rapporto che in questi anni è cresciuto enormemente (i numeri lo dimostrano). Perché e come le Scuole che ancora non lo hanno fatto dovrebbero partecipare?

Il premio è pensato nella convinzione che il rapporto tra scuola,  mondo della ricerca,  scienza e cultura scientifica  sia stimolante, corroborante, simbiotico – persino indispensabile. Questa iniziativa è aperta a tutte le scuole superiori interessate; per iscriversi basta compilare il modulo (molto semplice) che si trova sulla pagina di ingresso al database gestito dall’INFN di Cagliari

https://asimov.ca.infn.it/asimov/

Suggerisco di contattare i responsabili regionali del premio  che si trovano elencati sulla pagina web (per la Val D’Aosta, far riferimento al Piemonte).

Vediamo anche cosa succede alle recensioni degli studenti. Vengono tutte lette e valutate dalla commissione scientifica e validate. Ogni giurato autore di una recensione valida e originale (=non copiata) riceve una certificazione di attività, che la scuola può recepire per i percorsi PCTO. I più bravi recensori sono riconosciuti, invitati a parlare e premiati nelle cerimonie che si tengono regione per regione.

Insomma il premio ASIMOV è un percorso culturale, un’iniziativa morale da svolgere in tanti, un gioco nel senso più nobile del termine. So di studenti che hanno usato questa occasione per valutare quale università fare e di Alfieri della Repubblica che ci hanno onorati con la loro partecipazione.

  1. Qualche anticipazione sull’edizione di questo anno?

Stiamo iniziando proprio adesso: partiamo in autunno (adesso!)  e chiudiamo a primavera.

Fra poco i giurati inizieranno la lettura e la valutazione dei libri in lizza.

Anche quest’anno sono bellissimi,  ecco la lista per la nona edizione:

– Nello Cristianini

LA SCORCIATOIA. COME LE MACCHINE SONO DIVENTATE INTELLIGENTI SENZA PENSARE IN MODO UMANO.

– Giovanni Covone

ALTRE TERRE. VIAGGIO ALLA SCOPERTA DI PIANETI EXTRA-SOLARI.

– Filippo Bonaventura, Lorenzo Colombo, Matteo Miluzio

L’UNIVERSO SU MISURA. VIAGGIO NELLE INCREDIBILI COINCIDENZE COSMICHE CHE CI PERMETTONO DI ESSERE QUI

– Annalisa Cherchi, Susanna Corti

CLIMA 2050 – LA MATEMATICA E LA FISICA PER IL FUTURO DEL SISTEMA TERRA

– Piero Angela

COSE CHE HO IMPARATO

  1. Come vedi la situazione della Scuola in Italia dall’osservatorio del Premio Asimov?

La mia impressione generale è che nella scuola ci sia una ricchezza enorme, che ai più  resta nascosta – penso sia ai docenti che agli studenti.  Mi pare che siano tanti a parlare di giovani o di insegnanti, ma forse non altrettanti quelli che vogliono parlare con i giovani e con gli insegnanti. Penso che il premio ASIMOV sia una occasione di arricchimento reciproco per tanti; lasciami ringraziare tutti quelli che, in questi nove anni, hanno partecipato al suo successo!

*Francesco Vissani, nato a Macerata il 14 luglio 1964. PhD in fisica presso la SISSA, dirigente di ricerca presso i Laboratori Nazionali del Gran Sasso dell’INFN. Come ricercatore si è interessato soprattutto di neutrini e di fisica oltre il modello standard, argomenti su cui ha pubblicato un centinaio di lavori scientifici a tutt’oggi. Ispirandosi al “premio Aventis” dalla Royal Society, ha proposto il premio Asimov.

Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.