Una docente di matematica della scuola superiore di H-Farm di Roncade (Treviso), Hanane Hammoud, ha scatenato una polemica per un post antisemita pubblicato sul suo profilo Instagram.

Il post, che conteneva un video sulla guerra tra Israele e Hamas, era accompagnato da una frase choc: “Andate all’inferno, Hitler aveva ragione su di voi ebrei“.

La docente, di origine libanese, ha ammesso di aver pubblicato il video e il commento, sostenendo di aver agito in un momento di sconforto psicologico, anche a causa della situazione in Medio Oriente, avendo lei stessa amici e parenti in Palestina.

Il post è stato scoperto da una studentessa, che ha salvato lo screenshot e lo ha mostrato ai genitori. Da lì, l’immagine si è diffusa tra le famiglie degli altri studenti.

Hammoud, che insegna a studenti di diverse nazionalità, è ora a rischio di provvedimenti disciplinari da parte di H-Farm, che potrebbe valutare anche la sua sospensione.

La scuola ha sottolineato di essersi “dissociata immediatamente” dalle affermazioni della docente su Instagram, “non solo per quanto detto ma per il ruolo di educatrice” della propria dipendente. Nel frattempo, Hammoud sta incontrando gli studenti per spiegarsi e scusarsi per l’accaduto. Secondo fonti di H-Farm, l’insegnante sarebbe “devastata” per quanto scatenato dal video postato per qualche minuto sui social.

Hammoud si sarebbe confrontata anche con gli altri docenti e dirigenti scolastici. La scuola dovrebbe rilasciare dichiarazioni ufficiali da parte dei vertici scolastici. Nonostante le giustificazioni fornite, le azioni della docente non dovrebbero esimerla da un provvedimento disciplinare.

La docente ha portato le sue scuse agli alunni, alle famiglie e alla scuola, mostrandosi sofferente, travolta dal suo stesso eccesso d’ira social.

La vicenda ha suscitato un ampio dibattito sulla responsabilità degli insegnanti e sul loro ruolo nell’educazione dei giovani, soprattutto in un contesto multiculturale come quello della scuola superiore di H-Farm, dove si affrontano frequentemente temi di attualità, come la questione palestinese e il conflitto in Ucraina.

Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.