intelligenza artificiale

Al via anche quest’anno, puntuale come nei precedenti appuntamenti, il Concorso scolastico Ambasciatori dei Diritti Umani 2023-2024 taglia l’ambizioso traguardo della sedicesima edizione e chiama nuovamente a raccolta le studentesse e gli studenti del IV e del V anno degli Istituti Secondari di II grado di Roma, Milano e Napoli. Indetto dalla Società Umanitaria (SU), dalla Società Italiana per l’Organizzazione Internazionale (SIOI) e dalla Lega Internazionale per i Diritti Umani (LIDU) sezione di Milano, il Concorso Scolastico ‘Ambasciatori dei Diritti Umani’ aprirà a breve i battenti, per l’esattezza il 12 dicembre prossimo, con la ormai consueta conferenza introduttiva che si svolgerà nelle diverse sedi in concomitanza con il 75° anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani adottata il 10 dicembre del 1948 dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite. Il Concorso, organizzato in collaborazione con l’Associazione dei Diritti Umani (ADU) e FIABA, si propone di incrementare nei giovani partecipanti la consapevolezza dell’importanza da attribuire ai Diritti Umani e al loro riconoscimento per garantire il rispetto della dignità della Persona. Il Concorso prevede l’attribuzione di nove premi, a discrezione della Commissione di valutazione, da assegnare rispettivamente a tre studenti o studentesse di ogni sede che avranno l’opportunità di effettuare un viaggio-premio, solitamente nel mese di maggio, in una città europea dove è presente un’istituzione internazionale. Inoltre, ogni candidato risultato primo classificato di ogni sede, avrà diritto di partecipazione ad un corso di formazione organizzato dalla SIOI su tematiche inerenti ai diritti umani.

 Roma – Conferenza introduttiva al Concorso Scolastico

 ‘Intelligenza Artificiale e Diritti Umani’, questo il titolo della Conferenza introduttiva al Concorso scolastico che avrà luogo a Roma il giorno 12 dicembre prossimo, in orario antimeridiano, presso la sede della Società Umanitaria in Via Ulisse Aldrovandi 16. I giovani partecipanti e i loro insegnanti, coordinati dalla responsabile di sede dott.ssa Elena Cordaro, avranno in quell’occasione l’opportunità di riflettere sul tema dello sviluppo dell’Intelligenza Artificiale e del suo utilizzo in molti settori della nostra vita ma anche di valutare in senso critico il possibile rischio di impatto negativo sui diritti umani riferendosi, in mancanza di un definito quadro normativo, ai dettami di base del diritto internazionale. L’Intelligenza Artificiale è in grado di produrre diverse soluzioni a problemi la cui complessità rappresenterebbe un ostacolo, per fare alcuni esempi, per lo sviluppo sostenibile nei processi produttivi, sia nel campo agroalimentare che in quello industriale. L’utilizzo dell’Intelligenza Artificiale nel settore medico è ormai da tempo in grado di promuovere i miglioramenti necessari al fine di garantire la progressione delle diagnosi e una maggiore efficacia delle cure oppure, come riportato nell’introduzione al bando del concorso, anche nel funzionamento del sistema dei trasporti pubblici e privati.

Ugualmente importanti da rilevare sono gli effetti negativi indotti dall’Intelligenza Artificiale che potrebbero ledere i diritti delle persone, parliamo di un incremento di disoccupazione come conseguenza dell’automatismo del lavoro e la conseguente disparità economica. Non sono da escludere considerazioni riguardanti l’uso improprio dei dati personali, il controllo di massa, la manipolazione dell’opinione pubblica, la mancata tutela della privacy e la perdita dell’autonomia decisionale. A parlare ai giovani candidati al concorso della sede di Roma, la cui prova scritta è fissata per sabato 24 febbraio 2024, si alterneranno autorevoli esperti il cui compito sarà quello di affrontare il tema dello sviluppo massivo dell’Intelligenza Artificiale in chiave sociale esaltandone i vantaggi e ragionando sui possibili rischi del suo impiego. Saranno inoltre presenti per i saluti istituzionali, in apertura di conferenza, Maria Elena Polidoro, Segretario Generale Società Umanitaria e Cristina Puccia Direttore Generale SIOI

I relatori dell’edizione romana

  • Donato Morea, Ricercatore e Docente di Ingegneria Economico-Gestionale, Università degli Studi di Cagliari: ‘Dall’intelligenza artificiale all’intelligenza umana?’
  • Brando Benifei, Eurodeputato e Relatore al Parlamento europeo dell’AI Act
  • Piergiorgio Donatelli, Filosofo e Professore ordinario di Filosofia morale dell’Università degli Studi di Roma La Sapienza: ‘Etica e intelligenza artificiale per una società giusta’
  • Irma Conti, Avvocato e Presidente A.D.G.I. Associazione Donne Giuriste Italia: ‘Tutela dei diritti nel web e prevenzione dei nuovi fenomeni di criminalità’

Il concorso ai suoi primi esordi

Apprezzato sin dalla sua prima edizione, avvenuta esattamente nel 2008 a Milano, il Concorso ‘Ambasciatori dei Diritti Umani’ prese l’avvio dalla felice collaborazione tra la LIDU e l’allora Presidente della Società Umanitaria. Il consenso ricevuto all’unanimità dai dirigenti scolastici, dai docenti e dagli studenti consentì in seguito al concorso di raggiungere ed espandersi anche presso le sedi di Roma e Napoli. Ricordiamo a titolo di esempio i temi trattati nel tempo, tutti di rilevante interesse, dal diritto all’ambiente alla dignità in ogni sua manifestazione, dall’identità alla sicurezza e nel contempo alla privacy. Recentemente oggetto di trattazione nell’ambito del concorso, il diritto alla cultura, il diritto alla pace, il diritto alla ricerca della felicità e il diritto all’autodeterminazione delle persone rappresentano temi di un’importanza imprescindibile nel contesto nazionale ed internazionale.

Per info e prenotazioni:

https://www.umanitaria.it/roma

 

 

 

 

 

 

Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.