La politica ridotta a opinionismo

I voti nel mondo scolastico hanno ancora un valore?

A leggere in internet di ricorsi, critiche, e reazioni inconsulte da parte di studenti e genitori verrebbe da dire: ma chi ce lo fa fare a mettere voti? Metteteveli voi, quelli che vi aggradano di più e così siamo tutti felici e contenti.

Purtroppo, però, la scuola ha anche il compito di valutare o, meglio, di misurare, attraverso verifiche scritte e orali – e in certi casi anche pratiche -, il livello di apprendimento degli studenti affidati all’Istituzione.

E’ del tutto ovvio che la misura deve essere espressa in qualche modo e, con sommo dispiacere per alcuni, il modo elaborato è quello del voto numerico. Certo, la situazione ideale e sicuramente presente nei sogni di ciascuno sarebbe quella in cui non figura nessun voto negativo neanche minimale, ma, ahimè, purtroppo, così non è.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *