L’ondata di freddo che sta interessando il Piemonte non risparmia le scuole, con oltre 100 istituti segnalati per problemi alle caldaie, termosifoni inoperativi e infissi deteriorati. Il Segretario generale Uil Scuola Rua, Giuseppe D’Aprile, denuncia la situazione, evidenziando che la sicurezza nelle scuole deve essere una priorità costante, non solo in situazioni di emergenza.

“Problemi alle caldaie, termosifoni impantanati e infissi malandati. Continuano ad arrivarci decine e decine di segnalazioni dagli istituti scolastici dell’area metropolitana di Torino dove gli studenti e il personale sono lasciati al freddo. La sicurezza nelle scuole deve essere una priorità – afferma il Segretario generale Uil Scuola Rua, Giuseppe D’Aprile – non si può agire solo in seguito alle emergenze, ciò che conta davvero è la quotidianità, dove si registrano troppo spesso episodi di questo genere”.

Il Segretario regionale Uil Scuola Rua Piemonte, Diego Meli, sottolinea che il risparmio non può avvenire a discapito dei lavoratori e degli studenti. “Il risparmio va bene, ma non sulla pelle dei lavoratori”.

Diverse località della regione, tra cui Torino, Ivrea, Pinerolo, Chieri e Susa, sono state segnalate come particolarmente colpite dalla criticità. Meli afferma: “Abbiamo ricevuto numerose telefonate da Torino, Ivrea e Pinerolo – continua Meli – oltre che da Chieri e da Susa – È inaccettabile lavorare con cappotti e sciarpe”.

Il Segretario generale della Uil Scuola Rua, Giuseppe D’Aprile, enfatizza la necessità di affrontare il problema della sicurezza nelle scuole con una visione a medio e lungo termine. “È ora di denunciare le inadempienze che possono avere conseguenze gravi e pretendere un maggiore impegno per la sicurezza nelle scuole da parte di tutti gli attori coinvolti attraverso interventi organici e strutturati nel tempo”.

L’appello è anche un riconoscimento ai genitori e agli insegnanti che hanno denunciato le criticità, chiedendo un intervento urgente per garantire condizioni di studio e lavoro adeguate durante il periodo invernale.

Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.