Alla sua prima esposizione pubblica nello stand delle Edizioni Progetto Cultura presso la Fiera della Piccola e Media Editoria ‘Più libri Più Liberi 2023 il testo ‘Lucilla, l’insegnante di tutti. Storie di vita tra le aule scolastiche’ conduce il lettore ad una riflessione attenta sul ruolo sociale, oltre che educativo e formativo, che la scuola riveste nel percorso di crescita di ciascun alunno. Per nulla riservato ad un pubblico di addetti ai lavori, la raccolta di ‘Storie tra le aule scolastiche’ di Rosaria Brocato è piuttosto destinato ad un pubblico ampio, aperto e partecipe delle molteplici necessità che le alunne e gli alunni manifestano nel lungo percorso di crescita e maturazione tra le aule di scuola. La pubblicazione odierna del testo, rivista ed aggiornata e con un progetto grafico rinnovato, sostituisce l’edizione del libro ‘Dedicato a Giovanna … ma anche a tutti gli altri’, edito in precedenza da FIABA Onlus. Pronto per la distribuzione già a partire dalla fine di novembre scorso il testo, secondo il volere dell’autrice, sostiene ANTHAI Onlus, un’associazione senza scopo di lucro fondata nel 1983 dal Presidente Giuseppe Trieste e ancora oggi attiva in tutto il territorio italiano con progetti, campagne di promozione e informazione sui temi della disabilità e a favore dell’abbattimento delle barriere architettoniche e culturali per la promozione di un contesto inclusivo a misura di tutti.

Per nulla marginalizzata, piuttosto impegnata nell’accompagnare gli alunni attraverso i saperi, la professoressa Lucilla, la protagonista del libro, rivendica con gentilezza e determinazione il suo rinnovato ruolo, contrasta i più diffusi ostacoli ambientali, sostiene la sua motivazione e procede tra mille difficoltà tra i meandri della burocrazia raccogliendo di contro il consenso di tutti gli alunni. I temi prevalenti presenti nel testo costituiscono la base di primo approccio per inoltrarsi in un contesto di scuola che, nonostante le mai superate criticità e i frequenti insuccessi, è attento all’accoglienza delle difficoltà, al contrasto alle marginalità, all’ascolto attivo e al processo educativo personalizzato. Prerogative quasi esclusive del sistema scolastico italiano, in riferimento al panorama europeo, l’attenzione alle differenze e il rispetto per l’unicità della persona, il valore da attribuire alle relazioni ma anche l’inclusione in un contesto, speriamo sempre accessibile ovunque e rispettoso di tutte le differenze, rendono la lettura del testo particolarmente idonea a tutti i lettori interessati ad approfondire.

Prefazione di Angela Bandinelli e postfazione di Angela Bernardo

La prefazione di Angela Bandinelli, il cui ricordo resta vivo nei nostri pensieri, si presenta ai lettori con un’intensità difficilmente replicabile che affianca la narrazione attribuendo agli scritti dell’autrice un valore maggiorato. Gli insegnamenti, la vicinanza e l’instancabile disponibilità all’ascolto che sempre Angela ha saputo donare hanno concorso alla formazione di un gran numero di insegnanti nel corso della sua lunga esperienza terrena. Angela Bernardo, Direttore Editoriale della testata nazionale on line Informazione Quotidiana, media partner dell’evento, è Vice Presidente Confassociazioni Salute e Terzo settore e Fondazioni ITS nonché autrice della postfazione del testo. Nel riconoscere il valore paradigmatico del libro, Angela attribuisce ad ogni storia un “complesso universo a sé stante scandagliato con rara empatia e compenetrazione e che concorre alla creazione di un quadro d’insieme che potrebbe essere uno strumento utile e prezioso da condividere, leggere e commentare tutti insieme nelle scuole”.

Le foto scelte come immagini di copertina, tutte scattate nel mese di novembre dello scorso anno durante il Festival dei Giochi di Strada a Villa Ada a Roma, testimoniano l’impegno individuale e lo spirito collettivo che generano operosità, sintonia ed empatia. Tutti concentrati sui tavoli di legno che riproducono i più comuni giochi praticati con le modalità d’un tempo, i giovanissimi ed esperti avventori di oggi si misurano con abilità mettendo a segno preziosi obiettivi comuni. Il richiamo al passato indotto dalle foto ben si accompagna alla narrazione datata di ‘Lucilla, l’insegnante di tutti’, tipica di una scuola non ancora pronta a rinnovarsi nelle metodologie didattiche e in attesa di sperimentare, da lì a qualche anno, l’applicazione delle nuove tecnologie. Gli alunni, tuttavia centrali in ogni singola storia del libro, sono bisognosi di trovare gli strumenti più efficaci per superare le loro difficoltà quotidiane in contesti socio-familiari e ambientali di svantaggio e confidano nell’insegnante per affrontare l’incertezza del futuro. Straordinariamente attuali nei valori rappresentati, le storie si caratterizzano per una narrazione fluida e coinvolgente che ha richiesto nel tempo sensibilità e impegno, incoraggiamento e fatica.

Presentazione pubblica del testo

L’autrice invita i lettori sabato 16 dicembre alle ore 16.00 nel caffè letterario ‘Mangiaparole’ sito a Roma in Via Manlio Capitolino 7/9.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *