“Sui contenuti della riforma Valditara riguardante la filiera tecnico-professionale discuteremo in parlamento ma trovo estremamente vessatorio nei confronti delle scuole mandare una circolare oggi sull’adesione alla sperimentazione, considerando che deve essere fatta entro il 30 dicembre e che a gennaio partono le iscrizioni per le scuole secondarie di secondo grado. Il Ministro sembra non sapere come funziona la scuola. In che modo pensa di promuovere l’orientamento tra i ragazzi e la preparazione della scuola alla nuova sperimentazione? Come pensa di conciliare tutto questo con i piani regionali dell’offerta formativa? Come pensa di garantire la parità di partecipazione di tutte le scuole? Il Ministro Valditara dovrebbe aiutare le scuole invece di metterle in costante difficoltà. Il sistema d’istruzione avrebbe bisogno di riforme vere, organiche, fatte insieme a chi la scuola la vive ogni giorno e non di continui cambiamenti (in questo caso alla velocità della luce) senza misurare davvero ciò che funziona o meno.”. Così Simona Malpezzi, senatrice del Pd e vice presidente della commissione bicamerale infanzia e adolescenza.

Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.