irene manzi

“Sorprende che il Ministro Valditara in data odierna abbia inviato alle scuole una circolare per l’adesione alla sperimentazione quadriennale della filiera tecnico professionale, che va fatta entro il 30 dicembre, nonostante il parere negativo con motivate osservazioni dato dal Consiglio superiore della Pubblica istruzione sul testo del
decreto ministeriale alla base della circolare odierna e con una discussione parlamentare sulla riforma della filiera tecnico professionale in corso al Senato”. Ad affermarlo in una nota è Irene Manzi, responsabile Scuola del Pd.

“In particolare – aggiunge – la sperimentazione disciplinata dal decreto ministeriale è stata definita dal maggiore organo collegiale e consultivo della scuola italiana frettolosa, priva del tempo necessario per orientare gli studenti e per formare e affiancare i docenti. Rilievi di merito pesanti che avrebbero richiesto una riflessione supplementare da parte del ministro. E il Ministro invece che fa? Procede ugualmente nonostante il parere contrario con il serio rischio di generare disparità tra le istituzioni scolastiche, impedire un serio ed efficace orientamento agli studenti e creare enormi problemi di gestione alle scuole”.

“Tra la scelta sbagliata e inutile di creare un Ministero del Made in Italy, che dovrebbe partire il prossimo anno, ma non è ancora legge e una sperimentazione approssimativa e affrettata, il Ministro Valditara dimostra di non avere alcun interesse a confrontarsi con il mondo della scuola per dare il via a riforme necessarie e organiche, che tengano conto del lavoro già fatto. Per l’ennesima volta assistiamo a un provvedimento bandiera che, in questo caso, rischia di mettere ulteriormente in difficoltà e non poco il sistema di istruzione”, conclude. (ANSA).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *