In una mattinata di confronto sindacale, richiesta a seguito delle problematiche emerse nel precedente incontro, la discussione sulla formazione permanente del personale scolastico ha sollevato diverse preoccupazioni.

Il Segretario Generale Anief, Gianmauro Nonnis, ha sottolineato alcuni aspetti positivi, come il coinvolgimento del personale ATA nella direttiva nazionale e la formula volontaria della formazione. Tuttavia, ha esposto le note dolenti che riguardano l’esclusione del personale precario, non considerato “personale in servizio”, e la tempistica che prevede l’approvazione prima della firma definitiva del nuovo CCNL scuola.

Nonnis ha anche evidenziato i dubbi degli enti di formazione riguardo alla formula triennale adottata e le difficoltà derivanti dalla prevista instabilità professionale legata al piano di dimensionamento.

Il presidente nazionale Anief, Marcello Pacifico, ha ribadito il sostegno alla formazione permanente, ma ha sottolineato la necessità di introdurre figure professionali legate al middle management per parlare di carriera. Inoltre, ha proposto una sequenza contrattuale coinvolgente l’intero mondo sindacale.

Il sindacato Anief ha concluso richiamando la revisione necessaria della tabella dei titoli per la mobilità e la carriera legata alla formazione del personale. Un appello a riconsiderare i dettagli che, secondo loro, sono fondamentali per il benessere e lo sviluppo professionale nella comunità educante.

 

Autore

Un pensiero su “Formazione Permanente, ecco le note dolenti”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.