In queste ultime ore, circa un milione e mezzo di dipendenti pubblici hanno ricevuto un inaspettato regalo natalizio sotto forma di anticipo contrattuale. La misura, prevista dall’art. 3 del decreto-legge 18 ottobre 2023, n.145, è stata erogata insieme al consueto cedolino stipendiale di dicembre e alla tredicesima mensilità del 2023.

 

L’importo dell’anticipo varia tra gli 800 e i 1.500 euro lordi e ha raggiunto principalmente insegnanti e personale Ata della scuola. NoiPA, attraverso un avviso datato 15 dicembre, ha spiegato che questo eccezionale anticipo è stato corrisposto in un’unica soluzione. La somma, pari a 6,7 volte il valore annuo lordo dell’indennità di vacanza contrattuale, rappresenta un incremento significativo rispetto agli anni precedenti, dovuto all’inflazione a due cifre registrata di recente.

I benefici riguardano i lavoratori statali impiegati presso vari settori, tra cui Ministeri, Agenzie Fiscali, Enti Pubblici non Economici, e altri elencati nel comunicato stampa. L’importo aggiuntivo, identificabile nel cedolino con il codice 967 e la dicitura “Anticipo rinnovo Ccnl 2022 – 2024”, si aggiunge allo stipendio di dicembre e alla tredicesima, portando il totale netto nella scuola a quasi 5.000 euro.

Tuttavia, il presidente nazionale Anief, Marcello Pacifico, solleva una questione di rilievo, sottolineando che questo vantaggio si applica solo ai dipendenti a tempo indeterminato, escludendo ancora una volta i precari. In risposta a questa disparità, l’Anief ha annunciato l’avvio di procedure di diffida a tutela degli insegnanti e Ata di ruolo, cercando di garantire loro l’indennità di vacanza contrattuale al 50% del tasso di inflazione programmata, superiore al 16%. Queste azioni legali potrebbero tradursi in risarcimenti significativi, fino a 4.500 euro per lavoratore.

La situazione pone l’attenzione su una disparità persistente tra i lavoratori precari e quelli con contratti a tempo indeterminato, sollevando importanti questioni riguardo all’equità nell’ambito del sistema pubblico di impiego.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *