Il Senato ha ratificato un significativo emendamento proposto da #UDIR durante le audizioni relative alla Legge di Bilancio 2024, che prevede un incremento sostanziale di 3,7 milioni di euro al Fondo Unico Nazionale (FUN) destinato alle retribuzioni dei dirigenti scolastici. Questo sviluppo segue il recupero di 20 milioni di euro avvenuto due anni fa nell’ambito della Legge di Bilancio 2022.

 

Tuttavia, emerge che persiste la necessità di recuperare ulteriori 25 milioni di euro, derivanti da decurtazioni illegittime iniziate nel lontano 2011 e non più giustificabili dal 2016. In risposta a questa situazione, il sindacato #UDIR continua a esortare i dirigenti scolastici a emettere una specifica diffida per il recupero degli arretrati degli ultimi cinque anni, con l’intento di interrompere la prescrizione.

Il comunicato stampa rivela che il sindacato dei presidi UDIR aveva recentemente sollecitato, durante un’audizione relativa al Decreto Pa-Bis, il ripristino del FUN. Tale richiesta ha trovato riscontro positivo con l’approvazione del testo nella V Commissione del Senato. Il nuovo comma 5-ter dell’articolo 63 della Legge di Bilancio 2024 stabilisce un adeguamento della retribuzione di posizione di parte variabile dei dirigenti scolastici. L’incremento sarà di 700.000 euro per l’anno 2024 e di 3.000.000 di euro annui a partire dal 2025, al lordo degli oneri a carico dello Stato.

Per partecipare gratuitamente all’iniziativa legale volta al recupero delle retribuzioni di posizione, i dirigenti scolastici possono aderire cliccando sul link fornito da #UDIR. Questa iniziativa mira a sostenere i professionisti dell’istruzione nell’ottenere una remunerazione adeguata, rispondendo alle esigenze e alle richieste del settore.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *