In un incontro al Ministero tenutosi oggi, la UIL Scuola Rua ha accolto come un “primo passo” la notizia della proroga dei contratti a tempo determinato per il personale ATA, ma ha espresso preoccupazione riguardo al sovraccarico di lavoro cui è sottoposto il personale.

 

Il Ministero ha comunicato che i contratti per i collaboratori scolastici, in totale 5.739 (4.320 da PNRR e 1.419 da Agenda Sud), e per gli assistenti amministrativi e tecnici, in totale 3.166, saranno prorogati. Tuttavia, la UIL Scuola Rua ha sottolineato la necessità di ulteriori azioni per risolvere il problema.

Per i collaboratori scolastici, il finanziamento è previsto dalla legge di Bilancio ancora in corso di approvazione, e la proroga dei contratti sarà effettiva dal 1° gennaio 2024 al 15 aprile 2024. Per gli assistenti amministrativi e tecnici, il finanziamento proviene dal Decreto legge n. 145/2023, convertito in Legge n. 191/2023, con risorse non a carico dello Stato ma previste dal PNRR. Tuttavia, la norma non specifica una data di scadenza precisa dei contratti come invece è previsto per i collaboratori scolastici.

La UIL Scuola Rua ha chiesto al Ministero di attivare le proroghe dei contratti anche per gli assistenti amministrativi e tecnici già in servizio a partire dal 1° gennaio 2024, in modo da evitare disparità di trattamento. Inoltre, ha sottolineato l’importanza di gestire i contratti nel rispetto delle norme contenute nel regolamento sulle supplenze del personale ATA e del CCNL attualmente in vigore.

Paolo Pizzo e Pasquale Raimondo hanno rappresentato la UIL Scuola Rua, mentre per l’amministrazione erano presenti il dott. Greco e la dott.ssa Palumbo.

Nonostante il riconoscimento del passo iniziale, la Federazione UIL Scuola Rua continuerà a rivendicare la proroga dei contratti fino al 30 giugno per tutto il personale coinvolto e un intervento legislativo per un piano straordinario di immissioni in ruolo e l’ampliamento dell’organico ATA per affrontare il sovraccarico di lavoro.

Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.