A dicembre busta paga più pesante

A dicembre busta paga più pesante. Il Ministro usa toni trionfalistici. Il sindacato (Anief), invece presenta un altro scenario.

A dicembre busta paga più pesante. I toni trionfalistici del Ministro

A dicembre busta paga più pesante. Dopo lo scorso anno (significativa quota elargita per il contratto 19-21), anche  si è replicato: Natale 2023 più ricco. Al normale combinato stipendio/tredicesima, gli insegnanti (e non solo) hanno ricevuto anche un anticipo maggiorato che coprirà tutto il 2024. Riguarda l’ IVC (indennità di vacanza contrattuale) incrementata di  6,7 volte rispetto a quanto corrisposto nel 2023, ovvero lo 0,5 dello stipendio. Come ho scritto qualche settimana fa, l’anticipo corrisponde a un trucco finanziario finalizzato ad alleggerire il bilancio del 2024, spostando la relativa spesa all’anno corrente.
Ovviamente trionfalistici sono i toni usati da G. Valditara che evidenzia la discontinuità con gli ultimi governi. “Abbiamo mantenuto un’altra promessa importante: pagare l’indennità già con la busta paga di dicembre… Siamo l’unico Governo che un anno e mezzo andrà a stipulare ben due contratti. L’anno scorso con il più importante aumento per il personale della scuola e nel 2024 andremo a chiuderne un altro. Questo è un segnale forte di cambio di marcia ”

I sindacati presentano un’altra realtà

Il Ministro non si attarda sui numeri, esaltando in questo modo un risultato che qualcuno ha già definito una mancetta (FLC-Cgil), in quanto copre solo un terzo (6%) dell’inflazione degli ultimi tre anni (18%). Secondo i calcoli di Anief “L’anticipo di indennità vacanza contrattuale  in realtà dovrebbe essere comprensivo di almeno altre 4-5.000 euro” Evidente quindi la perdità d’acquisto, dovuto soprattutto alla mancata copertura degli anni 2022-23. Conclude Marcello Pacifico: “Se si guarda al 2008 e a oggi, sempre tenendo come riferimento il costo della vita, questi dipendenti pubblici sono sempre più poveri. La conseguenza è che servirebbero oltre 25 miliardi di euro per allineare gli stipendi; se poi si decidesse di pagare anche per gli arretrati si arriverebbe forse a 40 miliardi. Non stiamo esagerando, perché è il risultato della mancata attenzione dei governi che si sono succeduti negli ultimi 15 anni, duranti i quali la Costituzione per chi opera nel pubblico impiego è stata sistematicamente violata
Quindi non è infondata l’ipotesi che il Ministero, utilizzando l’effetto abbagliamento dell’una-tantum, ha voluto distrarre i docenti da una realtà che li vede sempre più poveri. Pessimo segnale per la scuola da tutti considerata l’istituzione strategica per il futuro del nostro Paese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *