Il Ministero dell’Istruzione e del Merito ha annunciato lo stanziamento di fondi per il rinnovo dei contratti dei collaboratori scolastici.

Un totale di 280.181 euro destinato per le sostituzioni dell’organico temporaneo di collaboratore scolastico, come stabilito dal recente decreto, una miseria.

 

Questi fondi sono stati ripartiti tra gli Uffici scolastici regionali in proporzione al numero di ore contrattualizzate per i collaboratori scolastici a tempo determinato, tecnicamente con il rischio di non poter nemmeno soddisfare tutte le esigenze delle scuole e dei contratti già attivati e prorogati fino al 15 Aprile.

Qui la ripartizione dei fondi per regione:

  • Abruzzo: 9.427,21 euro
  • Basilicata: 5.183,54 euro
  • Calabria: 29.022,34 euro
  • Campania: 18.108,27 euro
  • Emilia-Romagna: 11.702,51 euro
  • Friuli Venezia Giulia: 3.125,13 euro
  • Lazio: 21.169,29 euro
  • Liguria: 4.141,37 euro
  • Lombardia: 27.599,60 euro
  • Marche: 4.843,88 euro
  • Molise: 2.185,27 euro
  • Piemonte: 13.880,96 euro
  • Puglia: 32.890,90 euro
  • Sardegna: 11.433,79 euro
  • Sicilia: 43.770,86 euro
  • Toscana: 9.776,42 euro
  • Umbria: 3.101,94 euro
  • Veneto: 11.662,95 euro

Resta il nodo Assistenti Amministrativi e Assistenti Tecnici i quali si sono visti chiudere il contratto il 31 Dicembre. I sindacati come la Uil Scuola , Gilda Unams e la Cgil hanno già fatto reclami affinché il ministero si prenda carico di questa problematica ma al momento nessuna risposta utile, anzi, non c’è peggior sordo di chi non vuole sentire.

 

Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.