“Due giorni in Sicilia nelle scuole in provincia di Ragusa accompagnata dal Direttore regionale scolastico Giuseppe Pierro, per trattare il tema del contrasto alla dispersione scolastica proprio in un territorio dove questo fenomeno è molto diffuso. Nella giornata di ieri a Vittoria, in un evento organizzato dal Sen. Salvo Sallemi, con la Sen. Ella Bucalo, nel confronto con dirigenti scolastici e docenti è emerso che nel mondo della scuola locale è in atto un grande sforzo per migliorare la situazione e che esistono comunque esempi virtuosi. Oggi abbiamo visitato ad Acate la Scuola dell’Infanzia “Capitano Puglisi”, una piccola scuola e anche una grande realtà dove sono presenti bambini stranieri di 25 etnie diverse, esempio di presidio alla legalità, di inclusione, nonché di supporto alla comunità del territorio. Interessante anche la visita all’Istituto Tecnico Commerciale ed Areonautico “Besta” di Ragusa, una vera e propria eccellenza, dove ho partecipato a un’assemblea alla presenza delle autorità locali, dei dirigenti scolastici e degli studenti del quinto anno e con la possibilità di ammirare laboratori di altissimo livello. In conclusione una due giorni all’insegna del contrasto alla dispersione.

Ridurre l’abbandono scolastico significa anche ridurre i problemi di ordine pubblico, oltre ad aiutare i giovani a concludere il loro percorso scolastico. Questo governo, con l’adozione dell’Agenda Sud, l’istituzione del docente tutor ed orientatore e il potenziamento della formazione dei docenti, si sta muovendo proprio nella direzione di mettere in campo iniziative concrete per contrastare questa piaga. In tale contesto va tenuto anche in considerazione il nucleo familiare e oltre all’inasprimento delle pene per chi non manda i figli a scuola, saranno previste anche borse di studio per quelle famiglie meno abbienti che faticano a sostenere le spese scolastiche dei figli” questo quanto ha dichiarato il Sottosegretario all’Istruzione ed al Merito, On. Paola Frassinetti durante la sua visita in Sicilia nelle giornate di ieri ed oggi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *