L’Assemblea Regionale Siciliana, in un’importante mozione a firma dell’Onorevole Ismaele La Vardera, solleva l’urgenza di iniziative decisive finalizzate al rinnovo dei contratti del personale tecnico e amministrativo ATA, impiegato nei progetti PNRR nelle scuole siciliane. La richiesta mira a risolvere la disparità di trattamento tra diverse figure ATA, causata dalla mancata proroga dei contratti per gli assistenti tecnici e amministrativi.

 

Il Ministero dell’Istruzione, attraverso il PNRR, ha stanziato ingenti fondi per il progetto “Scuola 4.0”, finalizzato a trasformare le classi in ambienti di apprendimento innovativi. Tuttavia, la recente Legge di Bilancio ha prorogato solo i contratti del personale ausiliario, lasciando scoperti gli assistenti tecnici e amministrativi, circa tremila unità, causando incertezza occupazionale e disagi economici.

La mozione sottolinea la gravità della situazione, evidenziando come la mancata proroga del personale tecnico e amministrativo possa compromettere seriamente l’attuazione dei progetti PNRR nelle scuole siciliane, nonostante gli ingenti fondi europei destinati a tali iniziative.

La disparità di trattamento tra il personale ATA, con la proroga solo per i collaboratori scolastici, genera impatti negativi sia a livello personale che professionale. L’incertezza sul futuro occupazionale e sulla stabilità economica delle loro famiglie è motivo di preoccupazione per gli assistenti tecnici e amministrativi.

La mozione impegna il Governo della Regione e l’Assessore Regionale dell’Istruzione e della Formazione Professionale a intervenire con urgenza. L’obiettivo è attivare tutte le iniziative di competenza presso il Governo nazionale per ottenere nuovi fondi e prorogare i contratti del personale ATA tecnico e amministrativo. Questa azione è essenziale per garantire una solida base economica e occupazionale a una categoria di lavoratori cruciale per la gestione dei crescenti carichi di lavoro derivanti dai progetti PNRR nelle istituzioni scolastiche siciliane.

La mozione sottolinea la necessità di una risposta rapida e concreta per tutelare i diritti e l’equità del personale ATA coinvolto nei progetti PNRR, contribuendo così al successo delle iniziative di trasformazione del sistema educativo in chiave digitale.

Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.