Costa caro alla Uil Scuola essersi opposta, assieme agli altri sindacati, alla richiesta dell’Anief per modificare le regole sulla contrattazione sindacale: non avendo firmato la settimana scorsa il rinnovo contrattuale 2019/21 all’Aran, la Uil Scuola adesso rimarrà fuori da tutti i tavoli nazionali, di istituto, aziendali (Università, Enti di Ricerca, AFAM). Solamente le sue Rsu d’istituto continueranno a sedersi ai tavoli. Lo conferma l’Aran, con una risposta pubblicata in queste ore alle tante richieste di chiarimento pervenute: l’Agenzia che rappresenta la parte pubblica ha ricordato, con tanto di riferimenti normatici, che d’ora in poi possono partecipare alle trattative nelle scuole, per la definizione di contratti d’istituto, solo i sindacati firmatari del “presente CCNL” 2019/21. Una decisione che, evidentemente, vale anche per le trattative nazionali. Anief aveva in passato chiesto, in solitudine, di rimuovere tale norma contrattuale durante le trattative. Adesso chi si è opposto paga le conseguenze.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *