La lotta tra poveri a noi dell’ organico aggiuntivo ex covid Ata non interessa. Facendo così si rischia di perdere di vista l’obiettivo. Il nostro Comitato è nato un anno e mezzo fa per cercare di dare dignità a tanti lavoratori che non si sono tirati indietro davanti alla chiamata dello Stato per affrontare il periodo pandemico.

 

Nonostante i mille sforzi molti di noi hanno visto la supplenza solo quest’anno grazie all’impegno del Governo e dell’onorevole Sasso che ho avuto il piacere di conoscere di persona e che si è sempre dimostrato sensibile e attento e soprattutto propositivo nei nostri confronti. Con la mediazione del direttivo e della mia cara amica Lia il Comitato ha raggiunto diversi traguardi, molti colleghi ci hanno inviato foto di contratti firmati. Ma ora la questione che divide l’ATA è il problema dello slittamento delle graduatorie terza fascia. Noi siamo favorevoli perché se si aggiornassero le graduatorie noi ex covid saremo nuovamente scavalcati da candidati con titoli provenienti da scuola paritaria( e qui ci vorrebbe un bel controllo da parte del ministero) e altri casi che andrebbero ad inficiare la nostra posizione in graduatoria. E ancora una volta l’organico covid resterebbe a casa. Pertanto noi portiamo avanti la causa del nostro comparto certi di dare voce a tanti lavoratori e lavoratrici.

Maria Luce Bianco

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *