Come tutti gli anni, nei giorni della merla, arrivano anche le notizie relative agli esami di stato. Sia che si
chiamino materie o discipline, l’ansia dell’attesa per milioni di studenti resta sempre la stessa. Oggi però
scriveremo dei professionali, in particolare di quello che una volta veniva chiamato “istituto alberghiero”, mentre con tutte le ultime riforme lo ritroviamo con vari nomi e sigle (quella più ricorrente è IPSSEOA).

L’esame sarà costituito da due prove scritte a carattere nazionale, al quale seguirà un colloquio finale. La
prima prova scritta ha lo scopo di valutare la padronanza della lingua italiana o della diversa lingua nella
quale si svolge l’insegnamento, oltre alle capacità espressive, logico-linguistiche e critiche degli studenti.
E’ comune per tutti gli indirizzi di studio e proprio per questo si svolgerà con modalità identiche in tutte le scuole coinvolte. Una volta vi era pochissima scelta, oggi invece vi sono ben sette tracce, trasversali a
tutti gli indirizzi di studio, che potranno fare riferimento agli ambiti artistico, letterario, storico, filosofico, scientifico, tecnologico, economico, sociale. Insomma, impossibile che non si trovi qualcosa di adatto.

Veniamo alla seconda seconda prova scritta che avrà per oggetto una o più discipline caratterizzanti il
corso di studio. Per gli istituti per i servizi di enogastronomia anche quest’anno il Ministero non invierà la prova già definita, ma indicherà alle commissioni le modalità per lo svolgimento della seconda prova.
Infatti nel mese di Giugno verranno inviati dal Ministero i quadri di riferimento per la seconda prova,
relativi alle competenze in uscita e ai nuclei tematici fondamentali, alle commissioni. Queste avranno 2
giorni di tempo per elaborare le vere e proprie seconde prove, adeguate alla dotazione tecnologica e
laboratoriale della scuola e al percorso svolto da quegli alunni, in quella scuola. Le tipologie coinvolte
saranno di tre tipi (A, B, C). Questo è un esempio di tipologia A per disciplina sala e vendita (la quale
ovviamente si abbina anche a scienze dell’alimentazione):

TIPOLOGIA A
Definizione, analisi ed elaborazione di un tema relativo al percorso professionale, con
riferimento ai risultati di apprendimento espressi in termini di competenze, anche sulla base di
documenti, tabelle e dati
Nome e cognome _______________________Classe_________ Data__/__/______

Analizzando la tabella sui numeri delle birre in Italia di alcuni decenni fa, il candidato per il
ristorante dove lavora, proponga un piano per aumentare le vendite di questa bevanda nel
proprio locale. In particolare solo il 25,3% degli italiani consumerebbero più spesso la birra in
tavola se sapessero come abbinarla, partendo da questo dato, il candidato ipotizzi alcuni piatti
tipici della cucina del territorio e proponga alcuni abbinamenti.

Provi inoltre a spiegare anche l’ultimo dato, che pone al 6,7% di crescita gli acquisti di birra nella
GDO, mentre quello del vino fa registrare un calo. Può prendere come riferimento anche le linee
guida LARN.

 

Nei testi che seguono vi sono molti esempi di prove di varie tipologie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *