mercato

Agrario ed alberghiero. Sono due termini facilmente accostabili a quello che definiscono “italian sound”. Agrario naturalmente si riferisce ai prodotti della terra e ci basta enumerare in parte le numerose tipicità tutte italiane contraddistinte dal marchio DOP, IGP e STG. Alberghiero invece ci riporta al concetto dell’accoglienza e del turismo (quasi tutti gli alberghieri sono sorti non a caso negli anni Sessanta, alcuni anche prima). Che l’Italia stia diventando un “grande attrattore” per il turismo internazionale è fuor di dubbio. Se venti anni a Lucca potevi circolare liberamente in auto nel centro storico e vedere sparuti turisti, oggi è il contrario: moltissimi turisti, centro storico come isola pedonale (bene!) e tutto esaurito ogni giorno. Per non parlare di eventi che attirano migliaia di visitatori dove se non prenoti sei mesi prima non trovi posto (il Lucca Comics).  A La Spezia, uscendo dalla stazione e costeggiando il marciapiede di una delle strade che portano in centro, potrete divertirvi a contare quanti B&B ed affittacamere ci sono per ogni palazzo. Per non parlare dei Quartieri Spagnoli a Napoli, un tempo una zona sconsigliata, oggi invece luogo di attrazione, tra l’altro molto ben sorvegliato.

E l’agrario cosa c’entra? E soprattutto la scuola?

In alcune province gli istituti agrari hanno deciso di aprire dei percorsi legati all’enogastronomia. Dove non è stato fatto è perché ci sono logiche campanilistiche (siamo pur sempre in Italia).  Un agrario può anche produrre: vino, olio, cibo, persino distillati. Molte di queste materie prime possono essere utilizzate all’interno dell’alberghiero (naturalmente occorrerà sempre un progetto didattico alle spalle) e consumate durante le esercitazioni. Pensiamo all’acquisto del brandy: un distillato che può essere tranquillamente prodotto a scopo didattico (con i dovuti accorgimenti ed in sicurezza: si tratta pur sempre di maneggiare alcol e gli antichi alchimisti avvertivano già dei pericoli delle cosiddette “acque corrosive”). L’alberghiero (anche se il nome attuale è  Istituto Professionale di Stato per i Servizi di Enogastronomia e Ospitalità Alberghiera) potrebbe promuovere delle cene didattiche anche autofinanziandosi in questo modo. Queste sono solo alcune idee, nel prossimo articolo vedremo meglio il concetto di “cena culturale”.

Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.