afam

Si è da poco concluso l’incontro al MIM per attuare le novità previste dal CCNL “Istruzione e Ricerca” 2019-2021.  Per il personale ATA arriveranno oltre 110 milioni di euro, che si tramuteranno in aumenti in busta paga, e 72 mila nuove posizioni economiche. 56 mila delle attuali posizioni economiche saranno incrementate già da maggio 2024.

Ci saranno 70 mila nuove posizioni economiche da attribuire a collaboratori e assistenti e 50 mila passaggi di qualifica da collaboratori scolastici a operatori.

Finalmente si darà stabilità ad oltre 2 mila facenti funzioni di DSGA con un concorso riservato per coloro che hanno 3 anni di servizio.

Durante l’incontro abbiamo richiesto e stabilito procedure semplificate e tempi rapidi per concretizzare quanto prima questi nuovi benefici contrattuali. Fare presto e bene dunque, per portare questi aumenti nelle tasche delle lavoratrici e dei lavoratori.

Grazie alla tenacia delle organizzazioni sindacali che hanno sottoscritto il Ccnl, finalmente gli ATA vanno all’incasso e auspichiamo che neanche un euro rimanga inutilizzato.

Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.