Siamo arrivati al 9 febbraio, ma i sindacati non sono stati ancora convocati al Ministero per il CCNI sulla mobilità 24/25 relativa al personale docente, educativo e ATA.

I contratti sulla mobilità hanno una durata biennale quindi il prossimo contratto sarà in vigore per i trasferimenti e i passaggi 24/25 e 25/26.

Il problema centrale come abbiamo detto nel nostro articolo di ieri, sarà quello sei vincoli nella mobilità e nei passaggi di cattedra e di ruolo per i docenti e in particolare per i neo immessi in ruolo che non possono contare sulle deroghe introdotte dal CCNL19/21.

Per i movimenti degli immessi in ruolo assunti quest’anno abbiamo già detto sempre ieri che potrebbe esserci una deroga con la legge Milleproroghe 2024 e il dicastero di Fitto sta lavorando per un assenso di Bruxelles.

Probabilmente secondo indiscrezioni sindacali, le OO.SS. firmatarie del contratto di lavoro 19/21, quindi la Uil Scuola per la prima volta non sarà convocata, la settimana prossima ci sarà la prima convocazione a Viale Trastevere, ma sicuramente prima della chiusura del CCNI si aspetteranno gli esiti dell’emendamento presentato dai partiti di maggioranza con l’assenso del Ministero sulla deroga per i neoimmessi in ruolo 23/24.

Libero Tassella SBC

Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.