I sindacati hanno ricevuto l’informativa sull’ordinanza ministeriale che disciplinerà le procedure per la mobilità del personale scolastico per l’anno scolastico 2024/2025.

L’ordinanza ministeriale (OM) che regolerà le procedure per la mobilità del personale scolastico per l’anno scolastico 2024/2025 sarà pubblicata a breve, forse già domani.

Oggi i sindacati hanno ricevuto l’informativa sull’OM, che conterrà anche le date per la presentazione delle domande di trasferimento e di passaggio di cattedra e di ruolo per il personale docente di ogni ordine e grado, nonché per il personale educativo ed ATA.

Le domande di trasferimento e di passaggio potranno essere presentate da tutti i docenti e i DSGA in servizio, ad eccezione dei neo assunti in ruolo con decorrenza giuridica ed economica 1.9.2023, che potranno presentare solo la domanda di assegnazione provvisoria in ambito provinciale.

I docenti assunti a settembre 2023 ma con retroattività giuridica a settembre 2022, invece, potranno presentare domanda di trasferimento provinciale e interprovinciale e, se hanno superato l’anno di prova, anche la domanda di mobilità professionale, cioè di passaggio di ruolo e/o di cattedra.

Per la domanda di passaggio sono necessari due requisiti: l’abilitazione specifica e il superamento dell’anno di prova. In caso di presentazione di domanda di trasferimento e domanda di passaggio, la domanda di passaggio prevale sempre su quella di trasferimento.

Tutti i docenti vincolati per trasferimento o passaggio, ivi compresi i docenti neo immessi in ruolo 23/24, potranno presentare domanda di trasferimento se rientrano in una delle categorie previste dall’accordo integrativo al CCNI firmato ieri dai sindacati e descritte analiticamente nell’accordo stesso, che saranno riportate nell’OM di prossima pubblicazione.

Sarà bene precisare che per i neo immessi in ruolo i requisiti non devono essere più posseduti dopo il concorso o dopo l’inserimento in GAE, cadendo questo limite la platea si allarga.

Il contratto integrativo resta invariato, ivi comprese le tabelle di valutazione dei titoli per i trasferimenti a domanda, d’ufficio e per la compilazione delle graduatorie interne di istituto.

Si prevede che a settembre 2024 le parti si rincontreranno per riscrivere il CCNI triennale sulla mobilità, ivi comprese le tabelle di valutazione dei titoli che saranno aggiornate.

Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.