Parlamento

“Pene severe e Osservatorio Nazionale: Una vittoria per il rispetto e la dignità nella scuola”

Una significativa vittoria per la sicurezza e la dignità nella scuola: la proposta di legge della Lega contro la violenza sui docenti e su tutti i lavoratori della scuola è diventata legge, con l’approvazione unanime in Senato. I parlamentari della Lega, Roberto Marti, presidente della commissione Cultura e Istruzione a Palazzo Madama, e Rossano Sasso, primo firmatario della proposta e capogruppo in commissione Cultura alla Camera, esultano per il successo ottenuto.

La nuova normativa prevede pene più severe per chi commette atti di violenza nei confronti del personale scolastico, sottolineando la gravità di tali comportamenti. Inoltre, si istituirà un Osservatorio nazionale sulla sicurezza del personale scolastico, con l’obiettivo di monitorare, analizzare e affrontare le problematiche legate alla sicurezza nelle istituzioni educative.

La Lega, nel corso della sua battaglia per la tutela dei docenti, ha lavorato in stretta collaborazione con il ministro dell’Istruzione e del Merito Giuseppe Valditara. La proposta ha ottenuto consenso in tutte le sedi istituzionali, culminando con l’approvazione unanime in Senato.

Roberto Marti, esprimendo soddisfazione per il successo ottenuto, afferma: “Chi tocca un insegnante tocca lo Stato! È necessario restituire alla scuola e ai suoi lavoratori l’autorevolezza che meritano”. La normativa non solo punisce più severamente chi commette atti violenti, ma si impegna anche nella sensibilizzazione e prevenzione del problema, rafforzando così l’ambiente educativo e garantendo un ambiente di lavoro sicuro per tutti gli operatori della scuola.

La Lega celebra questa vittoria come un importante passo avanti nel ripristinare il rispetto e la dignità per il personale scolastico. La sicurezza e il benessere dei docenti sono ora al centro dell’attenzione, grazie a una legislazione mirata a contrastare e prevenire la violenza nelle istituzioni educative.

Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.