Riceviamo e pubblichiamo

Di giorno in giorno aumentano i docenti che non si riconoscono più nella loro professione.

Ogni anno gli insegnanti si trovano costretti a confrontare con atti burocratici che poco o nulla hanno a che vedere con la didattica. Tali adempimenti si traducono in un aggravio di lavoro notevole, e portano il docente a provare sempre di più stanchezza a livello fisico e psicologico.

A questi aspetti si aggiungono una serie infinita di riunioni che rendono la giornata dell’insegnante estremamente stressante.

Ogni atto all’interno della scuola è diventato complicato, come per esempio la compilazione del registro attraverso lo strumento elettronico. Il proprio metodo di insegnamento è messo in crisi dalla digitalizzazione compulsiva,  rischiando il contrasto con lo stesso art.33 della nostra Costituzione.

Nonostante la ventilata denatalità, il numero degli allievi per classe è sempre più numeroso.

E il docente deve aggiungere a tutto questo il proprio orario delle lezioni.

Alla luce di queste considerazioni, non è possibile voltarsi dall’altra parte rispetto a un disagio che aumenta sempre più di frequente.

Il gruppo “Mobilità intercompartimentale docenti”, formato allo stato attuale da oltre 1600 docenti, ai sensi dell’art.3 Costituzione e non solo, previa richiesta dell’interessato/a e almeno a parità di condizioni economiche, invita a superare la questione, se necessario con un intervento del decisore politico, e richiede già dall’imminente contratto di Mobilità:

  • Il passaggio verso altro ramo della P.A.;
  • La possibilità di accedere all’eventuale carenza di posti emergenti dagli uffici del MIM, quali dipendenti dello stesso Ministero, senza bandire un concorso esterno.

In subordine richiede:

  • il passaggio ad ATA senza interruzione della propria carriera economica o alcuna cristalizzazione della stessa;
  • la richiesta di mobilità semplice per i docenti di ruolo che possa avvenire ogni anno, come nel resto della P.A., senza il vincolo triennale;
  • lo stop alla burocratizzazione della Scuola.

Ringraziando della vostra attenzione, si coglie l’occasione di inviare i più cordiali saluti.

Gruppo Mobilità intercompartimentale docenti.

Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.