Ieri sera, in una svolta significativa per il panorama dell’istruzione, è arrivata la firma tanto attesa. Dopo un lungo confronto tra le parti coinvolte, è stato finalmente siglato il contratto area dirigenti per il periodo 2019/2021. Questa firma non è solo un atto formale, ma porta con sé aumenti salariali che impattano positivamente i portafogli dei dirigenti scolastici.

 

Secondo quanto dichiarato dalla responsabile del Dipartimento dell’area della dirigenza Scolastica della Uil Scuola Rua, Rosa Cirillo, gli aumenti medi si attesteranno sui 124 euro netti, a cui si aggiungeranno gli arretrati che ammontano a circa 11.000 euro. Un incremento che non solo riconosce il valore del lavoro svolto dai dirigenti, ma anche l’impegno delle organizzazioni sindacali nel garantire migliori condizioni lavorative per il personale scolastico.

Ma non è solo una questione di compensi. Il contratto siglato affronta temi cruciali che riguardano direttamente la vita professionale dei dirigenti. Si parla di innovazione, lavoro agile, servizio all’estero e cure mediche. Inoltre, vi è un miglioramento nella parte disciplinare, con un’attenuazione delle posizioni che possono portare al licenziamento.

Tuttavia, non tutto è stato risolto. Restano aperte questioni come la mancata perequazione con le altre dirigenze e il pieno sblocco della mobilità interregionale.

La delegazione della Uil Scuola Rua ha fatto appello all’amministrazione affinché si ponga attenzione su queste criticità che ancora affliggono il personale.

Un punto importante sollevato riguarda la rappresentanza sindacale. La Uil Scuola Rua ha espresso preoccupazione per la parte del contratto che sembra relegare i diritti e le libertà sindacali solo ai firmatari del contratto collettivo, e non anche ai soggetti rappresentativi secondo la normativa vigente. Questo solleva questioni cruciali sulla libertà di informazione e consultazione, pilastri fondamentali per la promozione di un dialogo partecipativo e consapevole nel contesto lavorativo.

La firma di questo contratto rappresenta un passo avanti per i dirigenti scolastici, ma c’è ancora lavoro da fare per garantire condizioni di lavoro ancora migliori e una rappresentanza sindacale efficace e inclusiva. Questa firma conferma che “quando i contratti sono migliorativi rispetto ai precedenti, si sottoscrivono”.

Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.