In occasione del 20 marzo, giorno in cui nel 1994 sono stati tragicamente uccisi a Mogadiscio la giornalista Ilaria Alpi e il suo operatore Miran Hrovatin, il Coordinamento Nazionale Docenti della disciplina dei Diritti Umani ha deciso di rendere omaggio alla loro memoria, ricostruendo la loro storia attraverso l’elaborato di Giulia Vinci, studentessa del liceo scientifico Filolao di Crotone.

 

Ilaria Alpi e Miran Hrovatin rappresentano due figure straordinarie del giornalismo, che hanno sacrificato le proprie vite nella ricerca della verità e della giustizia. Invitati dal TG3 in Somalia per seguire la missione “Restore Hope”, avevano il coraggio di investigare su traffici illeciti di armi e rifiuti tossici, nonostante le minacce e i pericoli che questa missione comportava.

Ilaria Alpi, con la sua passione per la terra somala e la sua conoscenza delle lingue straniere, aveva ottenuto una borsa di studio e un posto di lavoro alla Rai. Miran Hrovatin, fotografo e operatore di ripresa appassionato, era impegnato a documentare la realtà senza compromessi.

La loro morte, avvenuta il 20 marzo 1994 per mano di un commando armato somalo, rappresenta un atto di coraggio che deve essere ricordato e commemorato. Ilaria e Miran rimangono simboli di un giornalismo libero, autentico e onesto, lontano da condizionamenti politici ed economici.

Il Coordinamento Nazionale Docenti della disciplina dei Diritti Umani auspica che il caso di Ilaria Alpi non venga dimenticato e invita gli studenti e i docenti a aderire al progetto #inostristudentiraccontanoimartiridellalegalità. Gli elaborati possono essere segnalati al CNDDU che li renderà visibili sui propri canali social.

Il ricordo di Ilaria Alpi e Miran Hrovatin è un monito alla necessità di perseguire la verità e la giustizia, anche quando ciò risulta difficile e pericoloso. La loro dedizione e coerenza ideologica rimangono esempi di correttezza etica e professionale per le future generazioni di giornalisti e cittadini impegnati nella difesa dei diritti umani e della legalità.

Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.