Concorso Scuola

Concorso scuola. Il Ministro ha fatto del Merito la sua battaglia identitaria. Nessuna relazione con il concorso dove occorre cercarlo con il lanternino come Diogene.

Concorso scuola. Tra il dire e il fare…

Concorso scuola. Quasi tutti i giorni, esprimendo in alcuni casi un interventismo esagerato, il Ministro G. Valditara parla di Merito. Qualche giorno fa ha pubblicato un libro che indirettamente conduce a questo profilo. Quasi tutti i capitoli fanno riferimento agli studenti. Non è azzardato però attribuire alcuni sottoprofili della scuola dei talenti anche ai docenti. Essi rappresentano il secondo polo dell’istituzione scolastica. Merita una certa attenzione il riferimento al facilismo educativo. Scrive il Ministro: ” E’ un facilismo che rigetta il sacrificio, parola messa all’indice da ua certa cultura, e la fatica, identificata a torto come una forma di sfruttamento. La liberazione dalla fatica ha prima un significato ideologico, poi un esito che vellica l’umana indolenza
Fatta questa premessa, difficile individuare delle tracce di una scuola esigente, fortunato titolo di un lavoro di C. Ragazzini (Rubettino), dai quiz che hanno rappresentato la prima prova del concorso-scuola. Domande che richiedevano risposte troppo facili. Era sufficiente possedere un minimo (in questo caso l’espressione mostra tutto il suo significato negativo) di cultura generale o più specifica. Il problema è stato posto da una riflessione di G. Stella su Il Corriere della Sera (19 marzo –Se il concorso per i docenti è più facile di un quiz televisivo) che ha ripreso un articolo della rivista specializzata Tuttoscuola.it, assumendo quindi le caratteristiche di autorevolezza. La privilegiata vetrina mediatica, sicuramente non fa bene alla scuola.

Il Ministro si difende, ma i quiz confermano il profilo di una scuola semplice

Occorre scrivere che siamo alle prime battute, ma se il buongiorno si vede dal mattino… Il Ministro Valditara ovviamente è di parere opposto. “Non è vero, chi lo sostiene fa solo polemica”, concludendo che quelle successive saranno molto impegnative. Staremo a vedere. Comunque si riporta qualche quiz proposto da tuttoscuola.com

      Domanda: “Quale tra i seguenti non è un organo collegiale?

Risposte possibili:

  1. Collegio docenti
  2. Consiglio di interclasse
  3. Consiglio di intersezione
  4. Piano Triennale dell’Offerta Formativa (PTOF)

         Domanda: “Chi è l’autore della riforma della scuola del 1923

Risposte possibili:

  1. Luigi Berlinguer
  2.  Tina Anselmi
  3. Aldo Moro
  4. Giovanni Gentile

    Domanda: “Da chi è redatto il Piano Didattico Personalizzato (PDP)?”Risposte possibili:

    1. Dalla famiglia
    2. Dallo studente
    3. Dall’azienda sanitaria
    4. Dalla scuola

Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.