Aggressioni docenti
La misura di decontribuzione delle lavoratrici madri con due o più figli, per la quale il MIM ha fornito istruzioni operative, mostra alcuni limiti che ne compromettono l’efficacia e l’equità. Uno dei principali riguarda la limitata platea di beneficiarie. L’esonero, infatti, si applica unicamente alle lavoratrici a tempo indeterminato, escludendo le lavoratrici precarie che nel settore scuola rappresentano una parte significativa dell’organico complessivo.
Si tratta di un’esclusione incomprensibile e discriminante nei confronti del personale con contratto a termine.
La FLC CGIL, come sempre impegnata per il riconoscimento di uguali diritti a parità di condizioni, a prescindere dalla tipologia contrattuale, avvierà un’azione legale per sollevare la questione di legittimità costituzionale della norma e perché sia riconosciuto il beneficio a tutte le lavoratrici.

Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.