L’occasione per il Governo di dimostrarsi resiliente

Gli studi proposti dall’Istat che prospettavano una diminuzione drastica di alunni nei prossimi vent’anni si stanno dimostrando più che fondati. Per il Governo sarebbe ora di agire. Tramutare una difficoltà in occasione è una strategia che i docenti delle scuole pubbliche italiane attuano da tempo ed è giunto il momento che lo facciano anche i Governi. Invece di ridimensionare gli Istituiti scolastici per risparmiare qualche euro stressando le strutture organizzative, invece di mostrare i muscoli (dopati) auspicando la chiusura delle frontiere, il calo demografico potrebbe offrire al Governo la possibilità di porre rimedio a due questioni di vitale importanza per il Paese: debellare il fenomeno delle “classi pollaio” e arrestare lo
spopolamento delle nostre regioni. Noi socialisti sollecitiamo il Parlamento e il Governo affinché venga ridotto il numero minimo di alunni per classe e si dia avvio all’iter legislativo necessario ad introdurre lo Ius Scholae. Così Enzo Maraio e Luca Fantò, Segretario nazionale PSI Responsabile nazionale PSI scuola

Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.