Le ‘vie brevi’ danno anche quest’anno risalto ai mezzi espressivi dei giovani studenti di tutta Italia: il Premio Letterario “Per vie brevi, giunto alla sua terza edizione, registra il record di partecipanti.

Dopo cinque anni di lavoro con il progetto ‘Recensio’ in giro per l’Italia con classi, professori e studenti di tutte le età e indirizzi di studio il progetto ha avvicinato migliaia di studenti al mondo della lettura e
dell’espressione letteraria, con risultati didattici tangibili. Da questa esperienza, tuttora in corso, e da
un’idea di Massimiliano Bellavista (thenakedpitcher.com) supportata da Diego Palma de “La Voce della Scuola Live”, è nato nel 2022 un concorso letterario nazionale, in collaborazione con l’associazione “La Parola che non muore”, unico nel suo genere: il premio “Per vie brevi”.

Per Vie brevi non è un concorso come gli altri, proprio perché prima di tutto vuole essere un gioco e una porta di accesso messa a disposizione dei giovani al fantastico mondo della narrazione e della letteratura. È fondamentale spingere gli studenti a credere nella potenza e nella bellezza dei propri mezzi espressivi. Per Vie Brevi, ancora, non è solo un premio letterario nazionale ma anche un premio itinerante, secondo un format che potrà realizzarne edizioni abbinate ai festival promossi in tutta Italia dall’Associazione ‘La parola che non muore’. Il premio è riservato ai ragazzi dai 13 ai 20 anni.
Vincitore di questa edizione è il racconto Apatia di Sabrina Caputo, studente dell ‘IS Alfonso Casanova’
(Napoli) autrice di una storia a tinte forti supportata da un linguaggio incisivo ed essenziale, un’esperienza umana che già dalla prima lettura scuote e non si dimentica facilmente.
Gli altri quattro vincitori, trattano anch’essi temi di grande impatto umano e in qualche modo tutti in vario modo legati alla difficoltà di comunicare il proprio difficile vissuto e le profonde emozioni che esso ha scatenato, a cominciare da Saya di Marta Manicone, del Liceo delle Scienze Umane Sigonio di Modena, che esplora con grande capacità tecnica il difficile e spesso violento rapporto con i demoni interiori. Il racconto si è classificato al secondo posto a pari merito con Un puzzle di pezzi unici di Giulio Petrioli, del Liceo Scientifico Scienze Applicate ‘T. Sarrocchi&’ di Siena, che affronta con molta delicatezza il tema dello sviluppo della propria personalità e del rapporto con gli altri. Pari merito al terzo posto anche altri due racconti molto interessanti, quali La Casa dei girasoli di Nives Confortola, studentessa del Liceo linguistico; I.I.S. “Alberti” di Bormio (SO), davvero originale nel modo di descrivere la condizione della vecchiaia e il bilancio di una vita, e Zitti tutti, di Sam Milone, dell’IS Alfonso Casanova di Napoli, che narra con grande incisività ed efficacia i contorni di un crudo e tragico contesto familiare.

Ieri 13 Aprile, nell’ultima giornata di un Festival ben riuscito e denso di interessanti e seguiti appuntamenti sia in presenza che in streaming, si è svolta la premiazione del concorso alla presenza dei ragazzi premiati e delle loro famiglie e insegnanti in rappresentanza delle Scuole di appartenenza, e si sino ufficialmente aperti i termini per l’invio dei racconti brevi per la quarta edizione del Premio. Per maggiori informazioni scrivere a premio@perviebrevi.it.
Il regolamento del premio sarà a breve disponibile anche sul sito www.thenakedpitcher.comwww.lavocedellascuolalive.it

Contatti: Segreteria organizzativa del premio tel. 3356148685

Questo è il semplice Regolamento del Premio ‘Per Vie Brevi 2024’
REGOLAMENTO
Art. 1 Il Premio Letterario Per vie brevi è riservato ai ragazzi dai 13 ai 20 anni residenti.
La sezione è unica e riguarda i racconti brevi che non superino le 250 parole.
I premi sono costituiti rigorosamente da libri e dalla pubblicazione dei migliori racconti online,
eventualmente in e-book e in pubblicazioni cartacee.
Art. 2 Si può partecipare al concorso con una o più opere. Non ci sono limiti. I racconti devono essere firmati e provvisti di un titolo. Saper dare un titolo a un breve è importante, spesso costituisce parte integrante del fascino di una micro-narrazione.
Art. 3 Non è prevista alcuna quota di partecipazione.
Art. 4 Gli elaborati inediti devono essere inviati, in formato pdf allegata balla mail, a: premio@perviebrevi.it firmati, quando possibile e pertinente comprensivi della indicazione della scuola di provenienza e del docente di riferimento. Nella stessa mail, inserire una breve dichiarazione da cui risulti: – la dichiarazione che il testo è inedito e la paternità dell’opera; – l’autorizzazione al trattamento dei dati personali ai sensi della normativa vigente (GDPR. Regolamento 679-2016); – l’indicazione precisa dei propri dati (nome, cognome, indirizzo completo di C.A.P., Comune e Provincia, telefono).
Art. 5 Una Giuria presieduta dagli organizzatori proff. Massimiliano Bellavista e Diego Palma e composta
anche da personalità del mondo della cultura, insegnanti e studenti, esaminerà le opere e selezionerà
quelle più meritevoli.
Art. 6 Il giudizio della Giuria è insindacabile e inappellabile.
Art. 7 La scadenza del Concorso è prevista per il 31-08-2024; per l’invio delle opere farà fede la notifica
della mail.
Art. 8 La cerimonia di premiazione si svolgerà con le modalità e durante gli eventi che saranno
tempestivamente segnalate ai vincitori dall’organizzazione. Una eventuale variazione della data ufficiale di premiazione verrà tempestivamente comunicata agli autori finalisti.
Art. 9 Il ritiro del premio deve avvenire in presenza, perché gli autori selezionati saranno chiamati di volta in volta a condividere, leggere e commentare le proprie opere, e non semplicemente a ricevere un
riconoscimento. Per Vie Brevi prima ancora che un premio, è un gioco, e per giocare occorre interagire

Art. 10 Ai sensi della normativa vigente sulla tutela dei dati personali (Regolamento (Ue) 2016/679), il trattamento degli stessi, cui si garantisce la massima riservatezza, è effettuato esclusivamente ai fini inerenti il Concorso cui si partecipa; tali dati non verranno comunicati o diffusi a terzi a qualsiasi titolo.
Art. 11 La partecipazione al concorso implica la completa accettazione del relativo regolamento. La mancata osservanza di una sola delle clausole del bando comporterà l’automatica esclusione.
Art. 12 Il contenuto delle opere è assolutamente libero, purché si tratti di un racconto breve: chiaramente la libertà dell’autore finisce dove la stessa danneggi la libertà, l’onorabilità e la reputazione altrui. Per fare buona letteratura occorre costruire e non distruggere, mirare al bello e non alla bassezza.
Le parole usate devono ispirare altri giovani, suscitare emozioni, includere e non escludere.
Art. 13 Gli organizzatori declinano ogni responsabilità per eventuali casi di plagio, che saranno eventualmente risolti in sedi e con mezzi estranei al concorso stesso.

Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.