Dopo aver denunciato la grave e illegittima discriminazione ai danni delle lavoratrici precarie della misura di decontribuzione spettante alle madri con due o più figli, abbiamo presentato ricorsi pilota nei confronti della norma introdotta dalla Legge di Bilancio 2024.
Inoltre, abbiamo notificato e depositato il ricorso al TAR Lazio contro l’applicazione della norma nel settore scuola unitamente a due lavoratrici del comparto.

Le lavoratrici precarie rappresentano una parte significativa dell’organico della scuola e, come FLC CGIL, ci impegneremo, anche attraverso azioni legali, affinché vengano riconosciuti e riaffermati principi in tema di parità di trattamento tra lavoratici a tempo determinato e a tempo indeterminato.

Non ci possono essere lavoratrici di serie A e lavoratrici di serie B

Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.