cambio pannolino

Da oggi (in realtà da ieri, 1 maggio) i collaboratori scolastici sono tenuti all’ assistenza a tutti gli alunni nell’ uso dei servizi igienici e nella cura dell’ igiene personale.
E’ quanto scritto, neso su bianco, nella nuova tabella A dei profili di area. Non cambia niente per la Flc CGIL, dichiara la segretaria Gianna Fracassi al Fatto Quotidiano, “è una formulazione più chiara di ciò che era già definito nei contratti precedenti fin dal 2008”.
Ma proprio il Fatto Quotidiano mette in evidenza come non sia d’ accordo la Uil Scuola (che non ha firmato il contratto) che, mettendo a confronto la nuova tabella con quella del contratto precedente, fa rilevare che il nuovo contratto “riporta in più rispetto al passato una frase: vigilanza sugli alunni (…) e nelle scuole dell’infanzia e primaria, nell’uso dei servizi igienici e nella cura dell’igiene personale”. Mentre nel vecchio contratto la dicitura era “presta ausilio materiale agli alunni portatori di handicap nell’accesso dalle aree esterne alle strutture scolastiche, all’interno e nell’uscita da esse, nonché nell’uso dei servizi igienici e nella cura dell’igiene personale”.
In sostanza, conclude il Fatto, i collaboratori scolastici “quando un bambino va in bagno o ha delle necessità legate all’igiene (cambiare un pannolino), dovranno farsene carico: un lavoro che fino ad oggi era lasciato alla buona volontà dei docenti o anche degli Ata e che ora, invece, viene specificato a fronte di una paga che non cambia nella sostanza”.

Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.