“Gli uomini bevevano inesauribili quarti di champagne, le donne Martini dry” (da Casino Royale, di Ian
Fleming, Adelphi 2012, pagina 44)

Nel mondo dei cocktail e della miscelazione girano molte leggene metropolitane. Mi soffermerò sul
personaggio di Ian Fleming che tutti conoscono come James Bond. Ma parlerò soprattutto del suo
Martini, il cocktail preferito. Partiamo proprio dal romanzo Casino Royale, il primo pubblicato. Nel libro
non compare subito il Martini, bensì l’Americano, il quale seppur celebre negli anni Sessanta non venne
fu inserito nella prima codificazione IBA (meno male che c’è Mr. Bond che gli rende merito). L’Americano lo troveremo solo nella seconda codificazione, subito dopo l’Alexander.


Oggi sussurrano che le donne bevano drink più dolci (l’emblema è proprio l’Alexander , seguito dal
Cosmpopolitan, piuttosto che altri). Tuttavia nel 1953 Ian Fleming, scrive che “gli uomini bevevano
inesauribili quarti di champagne, le donne Martini dry”. Più avanti il nostro Bond chiederà così il suo
drink: “A Dry Martini, prima in un calice di champagne …. Tre misure di Gordon, una di vodka, mezza misura di Kina Lillet, agita fino a quando non è ben miscelato e poi aggiungi una scorza di limone.”

Questa semplice ricetta è quella del cocktail Vesper inventato dall’agente per Vesper Lynd (perché
“quando l’hai assaggiato, non vuoi nient’altro“), altra protagonista del romanzo. Il Kila Lillet può essere
sostituito da una Lillet bianca più morbida, accompagnata da una goccia di Angostura.
Negli anni il personaggio di Bond è diventato talmente celebre per i suoi drink, che diverse fonti da allora
hanno stabilito una classifica, partendo dal più sobrio al più grande bevitore. Timothy Dalton e George
Lazenby sembrano così saggi, insieme a Sean Connery e Roger Moore (11 bevute di alcolici per film in
media), 12 per Pierce Brosnan e … Daniel Craig, il grande vincitore, con ben 20 bevute di alcool per film.

Bibliografia consigliata:
Casino Royale, di Ian Fleming, Adelphi 2012
Tutti i cocktail delle spy story. Sia agitati, sia mescolati, Luigi Manzo, Sandit Libri, 2022
The Martini Cocktail: A Meditation on the World’s Greatest Drink, with Recipes, Robert Simonson, Ten
Speed Press, 2019

Autore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.